12° Rally Riviera Ligure 2013

Grandi “firme” al Rally Riviera Ligure

Manca davvero poco alla dodicesima edizione del Rally Riviera Ligure Memorial Daniele Cianci ed alla settima edizione dell’omonimo Rally Storico, intitolato alla memoria di Mauro Albini. Grazie al fondamentale contributo del parco turistico commerciale Molo 8.44 di Vado Ligure la manifestazione targata Riviera Rally ha trovato nuova linfa vitale. “Un supporto fondamentale, che ci permette nuovamente di allestire una grande manifestazione e che ci fa ben sperare per il futuro” dichiarano in coro dal quartier generale gli organizzatori savonesi. La data fatidica del 2-3 marzo è dietro l’angolo ed intorno a Spotorno sta salendo la febbre del rally. Il lavoro degli organizzatori è frenetico e tutto è pronto per il prossimo weekend: mentre si attende la chiusura delle iscrizioni, dalla Riviera Rally trapelano le prime indiscrezioni sui nomi dei protagonisti, che promettono già grande spettacolo ed un altissimo livello tecnico.

E’ confermata infatti la presenza di Francesco Aragno, vincitore dell’edizione 2012, che ha scritto il proprio nome nell’albo d’oro dopo Manuel De Micheli (2011) e Gioachino “Ino” Corona (2010), detentore del record di ben 5 vittorie dal 2003. Alla chiamata del pilota savonese hanno risposto i rivieraschi Alessio Pisi e Manuel Villa, che completeranno un terzetto di vetture Super 2000 (le più performanti ammesse al via delle gare di zona) molto atteso dal pubblico. Al momento gli equipaggi iscritti alle due manifestazioni superano complessivamente quota settantacinque, ma il numero è destinato a crescere. Il Rally Riviera Ligure sarà valido anche per il Trofeo Renault R3 di Zona, riservato alle New Clio. Proprio tra i pretendenti alla vittoria tra le vetture francesi ci sarà Ivan Ferrarotti, uno dei migliori interpreti italiani della Clio R3. Confermata anche la presenza di una vecchia conoscenza del rallysmo ligure, il veloce genovese Paolo Benvenuti, al via in classe A6.

Grande fermento anche intorno al Rally Storico, una manifestazione in continua espansione che si è ritagliata uno spazio importante nel panorama europeo. Hanno confermato la loro presenza un equipaggio inglese ed uno scozzese, ma l’uomo da battere sarà certamente il valdostano Elwis Chentre, al via con una Porsche, vettura vincitrice lo scorso anno nelle mani di Claudio Vallino. (25 feb.)


Torna la speciale dei “Porri”: deciderà il Riviera Ligure?

Prosegue a gonfie vele la marcia di avvicinamento verso la dodicesima edizione del Rally Riviera Ligure Memorial Daniele Cianci, accompagnato dal settimo Rally Storico della Riviera Ligure Memorial Mauro Albini. Tra le tante novità del 2013, un percorso rinnovato, solo in parte simile a quello del 2012. 298 chilometri totali, di cui 68,2 di prove speciali. Sette settori cronometrati selettivi, tutti nell’entroterra savonese. Tre prove speciali dalle caratteristiche differenti, che fanno del Rally Riviera Ligure una manifestazione completa e di altissimo livello. Una gara difficile da interpretare e con un forte coefficiente di spettacolo per il pubblico: questa è la sintesi del dodicesimo Rally Riviera Ligure. Resta in programma la prova speciale San Filippo, ma per questa edizione sarà utilizzata per lo shakedown del sabato pomeriggio, un appuntamento molto atteso dagli equipaggi. Durante lo shakedown infatti i piloti potranno effettuare numerosi passaggi sulla prova con le auto da gara, in modo da trovare la migliore messa a punto per la giornata successiva. Confermate le classiche “Madonna del Monte” e “Pian dei Corsi”, rispettivamente di 7,2 e 13 chilometri, mentre torna a grande richiesta la prova speciale “Porri”. Dieci chilometri e trecento metri che sicuramente avranno un ruolo fondamentale nella lotta per la vittoria assoluta.
“Madonna del Monte” sarà affrontata per prima ed è l’unica prova speciale sulla quale si effettueranno tre passaggi, che apriranno e chiuderanno la sfida. la prova è divisa in due parti quasi uguali con circa 3.5 km di salita e 3.7 km di discesa, con la famosa inversione di Forte Ciuto a porre la divisione. Si parte all'altezza dell'ex Ostello della gioventù in località Conca Verde con inizio in leggero falso piano ed un misto veloce guidato che aumenta fino all'inversione. Il tratto è in sottobosco con alcune parti in ombra che possono nascondere l'insidia delle chiazze di umido quindi la buona stesura delle note risulterà importante per i concorrenti. Passata l'inversione, ci si "butta" in un toboga in discesa ripida tra muro e guard-rail senza alcun posto per il pubblico per circa 1.5 km poi la strada plana leggermente in un misto veloce fino ad arrivare a due tornanti sinistro - destro preceduti da una staccata importante. La parte finale ridiscende nuovamente con tratti veloci e lenti che spezzano il ritmo della guida. La classica “Pian dei Corsi” prevede la partenza appena fuori dall'abitato di Feglino, il pubblico non può salire se non a piedi perché sarà fermato in paese per la chiusura della strada, a meno che non si posizioni con largo anticipo. La strada parte subito sotto il Santuario, in una salita ripida con molti tornanti e tratti veloci fino al bivio per Calice. Si prosegue poi a destra verso il colle del Melogno da dove inizia un tratto classico delle strade liguri; strade di origine militare, scavate nella roccia, che tagliano un bosco fitto con tratti veloci e guidati alternati da alcuni tratti lenti che spezzano il ritmo di guida. Appena si raggiunge il vivaio forestale la strada, asfaltata recentemente, spiana ed inizia un tratto misto - veloce che non permette distrazioni ai piloti. Il traguardo sarà posizionato poco prima del famoso quadrivio del Melogno.  Torna a furor di popolo la mitica PS “Porri”, teatro di epiche sfide mondiali. Partenza classica subito dopo l'abitato di Porri, con un andamento leggermente in piano fino al primo tornante sinistro in salita appena sotto il bivio in tornante per la località “Bonfigli”.  Appena superato il bivio inizia un misto guidato veloce con dossi, dove le note e la conoscenza della prova potrebbero fare la differenza.

Superato il bivio per la località Fè la strada scende velocemente con due tornanti arrivando alla compressione dell'area picnic ed impennandosi nuovamente fino all'Agriturismo. Si prosegue dopo le case con un pezzo veloce fino all'ultimo gruppo di case, dove la strada risale per raggiungere il culmine dell'ultima collina che porterà poi alla discesa del tratto finale della prova, molto veloce e insidioso con inserito il famoso “tornante dei nanetti”, ornamenti da giardino un tempo riferimento per i navigatori. Il pubblico può trovare ampio spazio in sicurezza sui prati. L'ultimo tratto in discesa dopo il tornante fino al fine prova è molto guidato e veloce, insidioso se il fondo è scivoloso. il fine prova è posizionato poco prima del pontino a destra dopo la casa. C’è molta attesa tra gli appassionati per la PS dei Porri, un vero monumento del rallismo ligure. Le previsioni meteo giocheranno un ruolo fondamentale, in base alle condizioni dell’asfalto potranno essere favorite le vetture a due o a quattro ruote motrici. Quel che è certo è che non mancherà lo spettacolo, componente fondamentale insieme alla sicurezza, del Rally Riviera Ligure. (15 feb.)


Riviera Ligure: chi succederà a Francesco Aragno?

Sono aperte ufficialmente dal 31 gennaio le iscrizioni per la dodicesima edizione del Rally Riviera Ligure Memorial Daniele Cianci e per il settimo Rally Storico della Riviera Ligure Memorial Mauro Albini, manifestazioni in programma per il weekend del 2-3 marzo 2013 in provincia di Savona. Per la precisione saranno coinvolte Spotorno, Vado Ligure ed una importante porzione dell’entroterra, vero e proprio teatro della sfida tra i rallisti. Con il via alle iscrizioni si apre il programma della manifestazione, che prevede l’invio delle domande di adesione al comitato organizzatore Riviera Rally fino alle 18 del 25 febbraio. La manifestazione entrerà poi nel vivo domenica 24 febbraio, con la distribuzione dei road book, uno dei momenti più importanti per i partecipanti, presso il Centro Biliardi in Via San Cristoforo a Savona. Il road book, comunemente chiamato “radar” comprende tutte le informazioni dettagliate sul percorso ed è fondamentale per effettuare la ricognizione per la stesura delle note. Il 24 febbraio toccherà dunque anche alle ricognizioni autorizzate, che permetteranno ai protagonisti della gara di prendere confidenza con il percorso. I piloti avranno però a disposizione un numero limitato di passaggi, che rende sempre più importanti il ruolo del navigatore e la corretta stesura delle note.

 

Il weekend di gara si aprirà invece con le verifiche sportive e tecniche, rispettivamente all’Hotel Premuda, sede anche del quartier generale della gara, e in Via Aurelia. La novità del programma 2013 è la presenza dello Shakedown, test con le vetture da gara che si terrà sabato 2 marzo a partire dalle ore 14.30 alle 17 su un tratto della prova speciale “San Filippo”. Un’ottima occasione per gli equipaggi, che avranno modo di testare le vetture e di affinare la messa a punto il giorno precedente la gara. Spotorno vivrà poi altri momenti emozionanti a partire dalle 21, con la cerimonia di partenza in pieno centro, con le vetture che sfileranno una ad una in direzione del parco turistico commerciale Molo 8.44 di Vado Ligure, sede del riordino notturno e di numerose iniziative nella giornata di domenica. Il centro fiore all’occhiello del commercio savonese ospiterà infatti i parchi assistenza e due parchi riordino, oltre ad un mega schermo per la visualizzazione in tempo reale delle classifiche. Grande fermento anche intorno al Rally Storico della Riviera Ligure, una delle manifestazioni più attese della stagione che sta per iniziare. Probabile la presenza di equipaggi stranieri a bordo di vetture che faranno rivivere agli appassionati l’epoca d’oro del rallismo, gli indimenticabili anni ’70 ed ’80. La caccia al successore di Francesco Aragno, vincitore nel 2012 su Peugeot 207 e di Claudio Vallino, re tra le storiche su Porsche, è ufficialmente aperta! (1 feb.)

Tante novità per l’edizione 2013 del rally Riviera Ligure

Sta per tornare uno degli appuntamenti più attesi dagli appassionati di motori del Nord Italia, il Rally Riviera Ligure Memorial Daniele Cianci. Fissata la data per il weekend del 2-3 marzo 2013, la macchina organizzativa della ScuderiaRiviera è al lavoro da mesi per mettere a punto la manifestazione che aprirà la stagione rallistica ligure e che darà il via al Challenge Rally zona 2 e 3. Giunta all’edizione numero tredici, la classica rivierasca sarà come di consueto affiancata dal Rally Storico della Riviera Ligure Memorial Mauro Albini, che spegne sette candeline e che si conferma una delle gare più amate dai piloti e dagli appassionati delle vetture che hanno scritto pagine indimenticabili di questo stupendo sport.
Conferme e novità per l’edizione 2013, che vedrà parecchi cambiamenti logistici grazie alla partnership con il parco turistico commerciale Molo 8.44 di Vado Ligure. Ventunomila metri quadrati di superficie per offrire ai visitatori relax, shopping e cultura. Sempre strizzando l’occhio allo sport ed allo spettacolo, le due componenti fondamentali del Rally. Il Molo 8.44 sarà parte attiva del Rally Riviera Ligure ed ospiterà un riordino notturno, i parchi assistenza ed il riordino finale. Anche il pubblico sarà coinvolto in maniera attiva e disporrà di un maxi schermo per la visione delle classifiche in tempo reale, affiancato da un info point a disposizione degli appassionati e degli addetti ai lavori. Spotorno si conferma sede di partenza ed arrivo, confermata anche la location della direzione gara presso l’Hotel Premuda. Il Rally Riviera Ligure cresce ed abbraccerà una fetta importante della provincia di Savona. Fondamentale la collaborazione, che procede a gonfie vele da anni, con la Pro Loco e con l’Associazione Albergatori di Spotorno, sempre attive a fianco del comitato organizzatore Riviera Rally.

La kermesse motoristica è ormai un appuntamento fisso per la cittadina costiera, che attende con ansia un evento capace di richiamare centinaia di turisti da ogni angolo d’Italia. Gli uomini della Riviera Rally stanno lavorando sodo per definire gli ultimi dettagli, ma c’è ancora il massimo riserbo su quelle che saranno le sette prove speciali teatro della sfida. Quel che è certo invece è l’inserimento nel programma dello Shakedown, una novità assoluta per il Rally Riviera Ligure. Il test con vetture da gara sarà allestito su quella che nelle passate edizioni era la prova speciale San Filippo, grazie alla collaborazione del comune di Vezzi Portio. Una bella occasione per i piloti, che potranno testare le auto dopo la pausa invernale e per gli spettatori, che potranno assaporare lo spettacolo per diverse ore. La marcia di avvicinamento è ufficialmente iniziata, presto saranno svelati altri particolari di queste due importanti manifestazioni. (27 gen.)