Altri articoli...

Rally della Lanterna ancora stregato Davide Craviotto

   Stenta a riattivarsi il feeling tra Davide Craviotto ed il Rally della Lanterna: anche quest’anno, infatti, la partecipazione del pilota genovese alla “gara di casa” si è tradotta in una pagina amara. In lizza in coppia con Roberto Bancalari ed alla guida di una Citroёn Saxo di classe A6 messagli a disposizione della Jet Motors Team, Davide Craviotto è stato costretto al ritiro a circa un km dalla fine dell’ultima prova speciale per la rottura della pompa della benzina quando occupava la venticinquesima posizione assoluta . “Poteva andare meglio – commenta laconicamente il driver genovese – potevamo uscire dalla ps e raccontare un’altra storia, invece… Mi conforta il fatto che, pur non correndo da un anno, come pilota, e per giunta quarantenne, ho dimostrato di non essere da buttare e di essere ancora in grado di dire qualcosa”. Davide Craviotto analizza la sua gara. “Non conoscevo la Saxo – osserva – e non mi è affatto dispiaciuta, anzi. Visti i tempi messi a segno, direi che sia il sottoscritto che la vettura si sono comportati egregiamente: abbiamo fatto un’ottima gara, guardando la classifica assoluta e non la classe A6, dove dopo appena due prove avevamo circa 2’ di vantaggio sull’avversario. Di più proprio non potevamo fare: purtroppo la sorte ci ha girato le spalle e ci resta il rammarico di un ritiro un po’ beffardo. Ora aspettiamo che venga ultimata la C2 R2 Max, per poter fare qualche test: nel frattempo, ci dedichiamo a rendere la Saxo ancor più competitiva”. (15 giu.)

Tam-Auto al “Lanterna” fa festa con Re e Ferrecchi

   Veloci, precisi e maledettamente concreti. Così come lo erano stati una quindicina di giorni prima sulle strade venete del Rally della Marca. Felice Re   e Mara Bariani interpretano alla perfezione un copione vincente conquistando un successo inequivocabile nel secondo appuntamento del girone A di un Trofeo Rally Asfalto che come ampiamente previsto saprà regalare adrenalina ed emozioni fino all’ultimo respiro. L’equipaggio della scuderia Etruria al via sulla C4 Tam-Auto ha da subito chiarito le proprie intenzioni facendo segnare il miglior tempo nel toboga del Palasport di Genova gremito di spettatori. Un ritmo tenuto sapientemente anche sulle impegnative prove speciali liguri. Il driver di varese ha fatto segnare il miglior tempo su sette dei novi tratti cronometrati. “Un'unica noia all’interfono e poi tutto ha girato a dovere” ha commentato Felice Re all’arrivo. “Già al Marca ci eravamo resi conto di aver risolto i problemi che ad Aosta non ci avevano permesso di essere più incisivi. Qui è andato tutto decisamente bene. Ora siamo pari e si vedrà”. In terza posizione replicando il risultato del 2010 chiudono Maurizio Ferrecchi e Fulvio Florean i quali hanno ritrovato la C4 che aveva permesso loro di vincere il Rally del Bormida. “Siamo soddisfatti” ha commentato il driver di Millesimo “Il Lanterna è sempre una gara molto bella e difficile. Siamo partiti prudenti ma abbiamo trovato subito il ritmo giusto”. Ancora sfortuna per Marco Silva e Giovanni Pina. Il comasco della Xara sembrava ritornato su suoi standard migliori e al momento della toccata nel corso del primo passaggio sulla “Massimo Canevari” che lo ha costretto allo stop era secondo assoluto alle spalle di Re. Buona la prova anche per Alessandro Re al via nell’affollato Trofeo Citroen Ds3. In gara con Diego Altomonte il figlio d’arte varesino ha chiuso al decimo posto di trofeo. (12 giu.)

 

Rally della Lanterna: Dagda team sale con… l’Honda

   Il Dagda sport racing team prende il suo nome da una divinità celtica che, probabilmente, guidava una… Honda: infatti è proprio questa vettura, ultimamente, a dare le maggiori soddisfazioni alla scuderia carcarese. Dopo l’ottimo risultato di Pier Paolo Grassano e Anna Maria Ammendola  al rally delle Prealpi Orobiche, che l’ha portato in testa alla classifica di Coppa Italia di seconda e terza zona, ora arriva anche la vittoria di classe di Giovanni Marco Lanza e Bruno Banaudi al Rally della Lanterna, che gli porta la prima posizione tra le due ruote motrici e gli garantisce l’accesso alle finali di TRA.  Entrambi i piloti corrono su Honda Civic Type R: gruppo A per quella di  Grassano, gruppo N per Lanza. Al rally genovese buona anche la prova di Mauro Scotto e Nicola Molinelli, su Fiat Punto, arrivato secondo di classe Super1600. (12 giu.)

Rally della Lanterna: Happy Racer ancora sul podio con Fulvio Florean

   Replicare il podio conseguito nell'edizione 2010. Questo, alla vigilia della partenza del Rally della Lanterna, rappresentava l'obiettivo primario di Fulvio Florean, capofila della scuderia Happy Racer impegnato al fianco di Maurizio Ferrecchi sulla Citroen C4 WRC. Obiettivo centrato in pieno, con una terza posizione assoluta ed una condotta altamente spettacolare per l'equipaggio ligure, caratterizzata però da una continua ricerca del feeling sulla muscolosa World Rally Car. Sensazioni diverse rispetto alla recente apparizione sull'asfalto del Rally Valli del Bormida, archiviato con il successo assoluto all'esordio sulla francese ed affrontato a scopo didattico in vista del vicino appuntamento titolato Trofeo Rally Asfalto. Una serie di variabili che hanno impedito all'equipaggio di “vestirsi” al meglio la vettura, amplificando inevitabilmente il distacco dalla vetta della classifica. Ancora punti fondamentali, nella manche cadetta tricolore della “Lanterna”, per Roberto Barchi. Il pilota genovese, portacolori del sodalizio della Mole, ha archiviato i chilometri della gara di casa con una quarta posizione tra le vetture Produzione, terzo tra gli iscritti alla serie promossa da Csai. Al volante della Mitsubishi Lancer Evo IX Sirio Promotion ed affiancato da Isabella Gualtieri, Roberto Barchi si è confermato come terza forza di Gruppo N nella classifica generale stilata dopo gli appuntamenti di Aosta e Genova, riponendo ambizioni di alto rango in una stagione che lo ha visto nuovamente al volante di una vettura a quattro ruote motrici dopo un'esaltante parentesi che lo ha visto impegnato su vetture a trazione anteriore. (12 giu.)

Un’uscita di strada ferma Francesco Aragno al Rally della Lanterna

   Poca sorte per Francesco Aragno al 27° Rally della Lanterna. Il portacolori del Rally Club Millesimo, in gara a Genova con la Clio Super 1600 messagli a disposizione dalla savonese RS Sport  ed in coppia con Walter Terribile, è stato costretto al ritiro durante la ps3 (Massimo Canevari) per uscita di strada quando occupava la quattordicesima posizione assoluta ed era al comando della classe S1600. “In prova abbiamo raggiunto la vettura che ci precedeva – spiega il pilota savonese – e, nel tentativo di individuare un punto dove poterla passare, mi sono distratto un attimo e ci siamo ritrovati fuori strada. Sono davvero dispiaciuto: stavamo facendo una buona gara e c’erano tutte le premesse per cogliere un risultato importante”. La gara di Francesco Aragno e Walter Terrebile, prima del ritiro, era stata davvero di rilievo: nella ps spettacolo avevano strappato applausi e chiuso la prova sia con il miglior scratch messo a segno sino a quel momento sia con la conquista della decima piazza assoluta finale; nella ps successiva, invece, avevano fatto registrare a segno il quindicesimo miglior tempo. La loro uscita di strada è stata spettacolare: la Clio è scivolata in un pendio ed è rimasta in posizione quasi verticale, senza riportare alcun danno. Un po’ di soddisfazione, in casa del Rally Club Millesimo, l’ha portata l'altra vettura del sodalizio valbormidense al via del Lanterna, la Fiat 127 Sport 70 Hp (Raggr. 3) di Ezio Rubino ed Enrico Bogliaccino che ha conquistato l’appendice riservata alle storiche dopo un bel confronto con la 127 di Di Marco – Zambelli, costretti al ritiro nella ps6. (12 giu.)