Altri articoli...

Rally della Lanterna nel segno di Porro - Cargnelutti

L’equipaggio della Bluthunder s’aggiudica la prima gara del TRA con la Ford Focus Wrc. Giacobone e Mometti su Peugeot 207 S2000 sono secondi al traguardo davanti a Signor - Bernardi, terzi con la Skoda Fabia e primi della S2000 tra gli iscritti al TRA. In Gruppo N Laganà - Messina (Mitsubishi Lancer) precedono ad Amorisco – Bailo, i migliori della Suzuki Rally Cup.

E’ mancata la nebbia al Rally della Lanterna, ma pioggia e neve sono puntualmente e copiosamente arrivate a mischiare le carte, confondendo non poco i piloti, mettendo a soqquadro ogni piano studiato durante le ricognizioni effettuate con l’asciutto. Certo, le previsioni avevano annunciato il cambio del meteo, ma nessuno si aspettava che le zone “in quota” del rally fossero realmente interessate da una fitta nevicata. Anche la vittoria di Paolo Porro era prevista ma, a dispetto del maltempo, il comasco è riuscito a superare anche le più svariate difficoltà che ha incontrato sul cammino, diventato infatti vincente. “E’ una delle gare più difficili d’Italia – ha detto Porro all’arrivo - ma bella. Se non la corri più di una volta non puoi andar forte e noi siamo stati bravi a mantenere la calma dopo l’inconveniente dell’appannamento. Iniziare il TRA a Genova mette bene per la stagione”.

Non è mai stato in discussione il primato di Porro, neppure quando un’infiltrazione d’acqua nell’abitacolo della Focus ha infatti causato il repentino appannamento del parabrezza anteriore, costringendolo a rallentare vistosamente la sua corsa, sperperando così il 1’30 di vantaggio sul secondo. Ha mantenuto la calma Porro, alzato il piede quel tanto che basta per arrivare all’assistenza con ancora quaranta secondi di vantaggio sull’immediato inseguitore; sistemato l’inconveniente, ha mantenuto un ritmo tale da controllare agevolmente gli avversari e tagliare per primo il traguardo di Genova. Tutto sembrerebbe facile, quasi agevole, ma di rivali pronti a fronteggiarlo Porro ne ha avuto più d’uno. Fortuna ha voluto che si siano autoeliminati o autolimitati: Eddie Sciessere è stato fermato da una panne elettrica alla Citroen Xsara quando era a ridosso del leader e mentre Marco Virag si chiamava fuori dalla lotta dopo i primi incontri con la neve, alcuni “temerari” la lotta l’accettavano, lamentando però inconvenienti: chi sbagliava le gomme come nel caso di Giacobone ma riusciva a salire sul podio. “Penso di aver corso bene nella prima parte della gara – ha detto il locale - e salire sul podio per uno come me che corre una volta all’anno ed ha il fiatone a metà della prova lunga vuol dir molto”; chi come Silva andava in testacoda sempre per l’appannamento del vetro anteriore nella sua Ford Focus e poi si ritirava dopo un’uscita di strada quando era secondo assoluto; chi si trovava a mal partito col percorso come Signor e Vellani, che si accontentavano dei sonanti punteggi per la classifica assoluta e di Gruppo. “Quando provavamo il percorso non ci piaceva proprio – ha rilevato Signor all’arrivo - in gara poi ci siamo ricreduti, è un rally anche più impegnativo del Sanremo. Corriamo nella Coppa Michelin, che è concomitante con il TRA, e qui ho trovato un livello molto alto di competitività”.

Ad un minuto dal veneto ha chiuso una gara perfetta e veloce l’emiliano Roberto Vescovi, tornato al volante di una Renault Clio Gima ha sbaragliato il campo tra le vetture R3C, stupendosi egli stesso delle prestazioni d’assoluto che ha saputo realizzare “Davvero non credevo d’essere andato così forte, il passaggio alle Michelin richiede qualche affinamento, perché oggi è andata bene ma sull’asciutto dobbiamo fare ancora esperienza”. Sale sul quinto gradino del podio, chiudendo al terzo posto della S2000, che poi è il secondo ai fini del campionato, l’emiliano Roberto Vellani al volante della Peugeot 207 Power Car avendo corso contratto, sbagliando l’approccio iniziale alla competizione.

Ottavo assoluto, quinto di S2000 ha chiuso Valter Gentilini con la Peugeot 207 della Hawk Racing Club, precedendo il genovese Paolo Tuo, nono assoluto con la Clio, e il barese Franco Laganà. E’ un decimo posto assoluto centrato con la caparbietà che contraddistingue il campione calabro pugliese, ottenuto al volante della Mitsubishi Lancer della Rally Project alla quale ha dovuto adattare l’assetto al repentino peggioramento dello stato delle strade, riuscendo così nel finale a rimontare e far suo il Gruppo N. Al traguardo nel centro di Genova, Laganà ha preceduto Lanza con la Honda Civic e il piemontese Amorisco, ottimo terzo di Gruppo N, con la Suzuki Swift Sport 1600 al volante della quale s’è aggiudicato la quarta tappa della Suzuki Rally Cup, acquisendo la leadership in entrambi i Gironi A e B.

Alle spalle del pilota della Meteco Corse s’è piazzato il biellese Vineis, secondo dopo una gara accorta e per la prima volta corsa sul bagnato, riuscendo a chiudere davanti al bresciano Saresera e al siciliano Denaro, vincitore della Racing Start del trofeo Suzuki.

Classifica finale: 1. Porro - Cargnelutti (Ford Focus Wrc) in 1h26’43”8; 2. Giacobone - Mometti (Peugeot 207 S2000) a 2’00”7; 3. Signor – Bernardi (Skoda Fabia S2000) a 3’02”4; 4. Vescovi – Guzzi (Renault Clio R3C) a 4’09”5; 5. Vellani – Amadori (Peugeot 207 S2000) a 4’51”2 ; 6. Marasso - Canuto (Peugeot 207 S2000) a 5’34”1; 7. Araldo – Boero (Renault Clio S1600) a 6’05”5; 8. Gentilini – Marchi (Peugeot 207 S2000) a 6’14”7; 9. Tuo – Bonato (Renault Clio S1600) a 7’00”; 10. Laganà – Messina (Mitsubishi Lancer Evo X) a 10’00”1. (26 mag./nelle foto: Porro e Giacobone)

 

 



Lanterna Corse punta su Mirco Virag per la sua “gara di casa”

La Lanterna Corse si prepara ad affrontare la gara di casa, il 29° Rally della Lanterna, con una presenza di equipaggi massiccia. Saranno ben quindici le vetture del team genovese schierate, cinque partecipanti alla gara del Trofeo Rallies Asfalto e dieci partecipanti al Challenge di Zona.

Portacolori d’eccezione per il Rally della Lanterna sarà Mirco Virag, in gara con una fiammante Ford Fiesta WRC, in coppia con Domenico Pozzi. Silvio Emanuele Ferrando e Simona Forlino promettono spettacolo in classe N4 con la loro Mitsubishi Lancer (nella foto di McRispy), mentre in N3 Roberto Canevari e Marco Gallizia sono pronti a far tremare gli avversari sulle strade di casa. Mattia e Stefano Casazza prenderanno il via in classe FA6 su Peugeot 106, mentre Fabio Ferrando e Giulia Patrone utilizzeranno una Citroen Saxo N2. (23 mag.)


Suzuki Rally Cup quarto round al “Lanterna”

Da domani undici concorrenti del trofeo monomarca delle Swift Sport 1600, otto in classe N2 e tre in Racing Start, si sfideranno sulle strade del Rally della Lanterna, seconda tappa del Girone B.

La quarta tappa delle nove che compongono la Suzuki Rally Cup si corre questo fine settimana al Rally della Lanterna. Sarà sfida accesa la prova che andrà in scena sugli asfalti dell’entroterra ligure, il secondo round del Girone B della serie promossa da Suzuki Italia. La “Rally Cup” infatti si articola in due distinti gironi, da tre gare ognuno, che si possono definire di qualificazione alla fase finale che si disputerà in tre rally da luglio a ottobre. Affronta la fase centrale del suo calendario il monomarca che si corre con le Swift Sport 1600, preparate nelle due versioni: Classe N2 e Racing Start. Se il Girone A ha in Paolo Amorisco il leader assoluto e Rivia nella classifica della Racing Start; il Rally della Lanterna dirà invece se il giovane biellese Andrea Vineis potrà consolidare la prima posizione del Girone B. Il piemontese sarà attaccato dal cuneese Paolo Amorisco, secondo della graduatoria, mentre Filippo Visconti è il capoclassifica nella RS.

Undici sono gli equipaggi che animeranno il quarto round della Suzuki Rally Cup. Appuntamento delicato per la definizione delle posizioni della classifica del Girone B della serie promossa da Suzuki Italia. La seconda sezione del monomarca riservato alle Swift Sport 1600 è iniziata in aprile al Rally 1000 Miglia con l’affermazione del piemontese Andrea Vineis (nella foto), su Paolo Amorisco, secondo, e Fabio Rivaldi terzo al traguardo, mentre Filippo Visconti s’aggiudica la classifica delle vetture in configurazione Racing Start. A Genova si rinnova la sfida della svizzera Le Coultre al volante della Suzuki Swift Sport alimentata a gas della BRC Racing Team.

I trofeisti in N2: 32 Andrea Vineis e Flavio Garella (Cars For Fun); 33 Paolo Amorisco e Lorenzo Bailo (Meteco Corse); 34 Fabio Rivaldi e Silvano Marini (Asd Media Prom); 35 Gianluca Saresera e Manuela Laffranchi (Scuderia Just Race); 36 Stefanie Le Coultre e Sonia Boi (Racing Team Nyonnais); 37 Claudio Pansa e Paola Moia (X Team); 38 Alberto Lorenzini e Giorgia Larosa (Solferino Rally); 39 "Cerutti Gino" e Tania Haianes (Gr Sport). I trofeisti in Racing Start: 43 Filippo Visconti e Filippo Gravaghi (Proracing); 44 Sergio Denaro e Gaetano Abate (Messina Racing Team); 45 Giuseppe Bertolini e Massimo Nalli (Destra 4). (23 mag.)


Il TRA scatta dal Rally della Lanterna

Nel capoluogo ligure e nell’entroterra è in programma domani e sabato la prima tappa della serie ACI Csai, organizzata da Lanternarally e promossa dall’Aci Genova: 92 gli iscritti per la gara valida per il TRA, per il Challenge Rally di Zona e per la Suzuki Rally Cup

Il Trofeo Rally Asfalto è pronto al via con il Rally della Lanterna. La Fiera di Genova offre spazi adeguati ad un evento di grande portata sportiva qual è il rally ma, nella serata dell’immediata vigilia di domani, è il Palasport a catalizzare le prime attenzioni degli appassionati genovesi con la prova speciale in scena sul suo parterre, uno degli eventi di grande spettacolo sportivo più attesi, sul quale si esibiranno anche il campione di drifting Stefano Bastogi ed i piloti degli slalom che si esibiranno con i loro prototipi.

L’appeal del “Lanterna” non deriva solo dalla prova spettacolo. E’ il percorso di gara, quello vero, diverso ogni chilometro del suo sviluppo la vera forza del rally, quello che richiama quasi un centinaio di equipaggi per darsi appuntamento nella sfida rallistica che apre la stagione. Sempre rilevante l’impegno degli organizzatori nei confronti della sicurezza degli equipaggi in gara, i quali saranno dotati del sistema di localizzazione satellitare ed un commissario di percorso ogni 500 metri di prova speciale garantirà la massima copertura del percorso.

Sul tracciato sulle alture dell’Appennino Ligure si confronteranno novantadue coppie di rallisti e piloti come Eddie Sciessere sulla Citroen Xsara, Paolo Porro con la Ford Focus, Marco Silva con un’altra potente World Rally Car inglese che si sfideranno per i punteggi della serie nazionale, puntando chiaramente alla vittoria in gara dovendo incrociare le traiettorie con Luciano Cobbe, altro pilota in gara con una Ford Focus, Mirco Virag con una Ford Fiesta Wrc di ultima generazione. Tutti poi dovranno prestare attenzione alle velleitarie prestazioni che sfoggerà Roberto Vellani, in grado di inserirsi nella battaglia assoluta con la sua Peugeot 207 Super 2000, spinto dall’agonismo derivante dal confronto diretto per l’affermazione in categoria con Marco Signor, su Skoda Fabia S.2000, oppure Valter Gentilini, anch’egli in gara con una integrale francese, e Piero Antonio Leone con una Abarth Grande Punto Super 2000. Seppur non iscritto al TRA, Luigi Giacobone rappresenta un riferimento di cui tenere conto su queste strade, che affronta al volante di una Peugeot 207.

Anche i piloti delle vetture a trazione integrale di R4 o N4 saranno protagonisti della competizione delle posizioni dell’assoluta con Nicola Pagnozzi, Emanuele Leone, Franco Laganà ed Emanuele Ferrando con le Mitsubishi Lancer. Non può non essere Roberto Vescovi uno dei protagonisti della gara tra i piloti delle vetture a due ruote motrici, favorito numero uno per la classifica R3C “dell’Asfalto” si confronterà con Andrea Maiani, entrambi su con la Renault Clio come guiderà Rizziero Zigliani. Tra le Super 1600 fuori campionato sono iscritti con le Renault Clio due piloti competitivi come Jacopo Araldo e Paolo Tuo.

Undici sono gli equipaggi che animeranno il quarto round della Suzuki Rally Cup. Appuntamento delicato per la definizione delle posizioni della classifica del Girone B della serie promossa da Suzuki Italia. La seconda sezione del monomarca riservato alle Swift Sport 1600 è iniziata in aprile al Rally 1000 Miglia con l’affermazione del piemontese Andrea Vineis, su Paolo Amorisco, secondo, e Fabio Rivaldi terzo al traguardo, mentre Filippo Visconti s’aggiudica la classifica delle vetture in configurazione Racing Start. A Genova si rinnova la sfida della svizzera Le Coultre al volante della Suzuki Swift Sport alimentata a gas della BRC Racing Team. Marco Depau, Elia Bossalini, Danilo Ameglio, Andrea Tomaino, Marcello Strata, Marco Strata, Pierluigi Maurino e Andrea Mezzogori sono, invece, alcuni dei piloti che vivacizzeranno la gara del Challenge di Zona.

Tutto è dunque pronto per la ventinovesima edizione del Rally della Lanterna, pronto a partire domani. La manifestazione s’avvierà nella mattinata con le verifiche e tecniche ante gara presso “Croce Verde” di Casella e le verifiche sportive presso la Fiera di Genova. Lo shake down, il test dei piloti delle vetture da gara si terrà a S. Bartolomeo di Savignone dalle ore 15 alle 18. La partenza della prima vettura alla Prova Speciale Palasport è fissata alle ore 20.05. La seconda giornata di gara inizierà alle ore 7.30, l’arrivo della prima vettura è previsto alle 19.55 in Piazza Matteotti a Genova. La competizione si svolgerà su di un percorso interamente su fondo in asfalto dalla lunghezza totale di 387 chilometri, mentre i chilometri delle nove prove speciali sono 129,65. (23 mag.)


Cinque vetture Wrc pronte ad infiammare il "Lanterna"

E’ stato presentato ufficialmente questa mattina presso la sede dell’Automobile Club di Genova il 29° Rally della Lanterna, gara che aprirà la stagione 2013 del Trofeo Rallies Asfalto. Tante le novità, a partire dall’inserimento della gara valida per il Challenge Rally Zona 2 e 3, fortemente voluta dagli organizzatori della Lanternarally. Un’occasione da non perdere per gli equipaggi del Challenge di Zona, che potranno godere di una visibilità maggiore e potranno affrontare la prova spettacolo del Palasport di Genova, probabilmente all’ultima edizione se dovesse concretizzarsi il progetto del nuovo stadio. L’evento più atteso dagli appassionati genovesi inizierà alle 20 di venerdì 24 maggio, con biglietto di ingresso al prezzo di 20€, gratis per i ragazzi sotto i 14 anni. Non solo rally al Palasport, con il campione di drifting Stefano Bastogi che delizierà il pubblico con il suo show ed i piloti dello slalom che si esibiranno con prototipi potentissimi.
Il presidente dell’ACI Genova G.B. Canevello ha aperto la conferenza stampa, soffermandosi sull’alto valore promozionale delle manifestazioni. Il Rally della Lanterna richiamerà migliaia di persone a Genova e soprattutto nell’entroterra, generando così un indotto da non sottovalutare per l’economia locale.
La parola è passata poi ad Eligio Clemente, presidente della commissione sportiva dell’ACI Genova, che ha sottolineato l’importanza della collaborazione con le Forze dell’Ordine, sempre disponibili verso gli organizzatori.
Dure, ma vicine alla realtà le parole del presidente della Lanternarally Massimo Meli: “Per mantenere in vita la manifestazione abbiamo dovuto chiedere a tutti i nostri collaboratori una riduzione dei prezzi. Hanno accettato tutti la nostra richiesta e vorrei ringraziarli per continuare a credere nella nostra gara, così come desidero ringraziare l’Aci Genova per il supporto che ci ha sempre fornito e che ci ha confermato. Senza di loro il Rally della Lanterna non potrebbe svolgersi”. Marco Gallo è sceso poi nei dettagli tecnici, mostrando soddisfazione per il numero di iscritti raggiunto complessivamente. 92 le vetture pronte al via, con ben cinque WRC per piloti di primo piano come Sciessere, Virag, Porro, Silva e Cobbe. “Sicuramente l’istituzione del nuovo Trofeo Michelin ci aiuta, ci saranno sette auto Super 2000 e nonostante la mancanza del Trofeo Citroen il bilancio a chiusura iscrizioni è buono”. Importante l’aspetto della sicurezza, sempre al primo posto per la Lanternarally. Le auto in gara saranno dotate del sistema di localizzazione satellitare ed un commissario di percorso ogni 500 metri di prova speciale garantirà la massima copertura del percorso.
Tutto è dunque pronto per la ventinovesima edizione del Rally della Lanterna, pronto a partire venerdì dalla Fiera di Genova. Nulla di fatto invece per la prima edizione del Lanterna Vintage Classic, gli organizzatori sono stati costretti a rinunciare per la mancanza di tempo sufficiente per promuovere adeguatamente la manifestazione e per il ritardo da parte della federazione nel comunicare ai diretti interessati il regolamento per le vetture Classic. (21 mag.)