Giorgio Bernardi risplende alla luce del "Lanterna"

Il giovane pilota continua il suo affiatamento con la Clio R3C. Su un terreno viscido e difficile il portacolori della Meteco Corse disputa una gara veloce e senza errori che gli vale il 16° assoluto e secondo di Classe R3C.


Ancora una gara positiva per Giorgio Bernardi che, dopo il Rallye Sanremo, conclude nuovamente a podio di Classe R3C il 30° Rally della Lanterna. “Il risultato è stato decisamente positivo, in quanto in classe avevamo uno dei maestri dei rally, Roberto Vescovi. E contro di lui ho solo da imparare”. Con il secondo posto di Classe R3C ed il sedicesimo assoluto, Giorgio Bernardi sale anche al quarto posto della classifica della Coppa ACI-CSAI R3 WRC anche se i prossimi obiettivi del ventunenne pilota di Martiniana Po (CN) verranno definiti solo nei prossimi giorni. Per quanto riguarda la gara genovese Giorgio Bernardi è stato molto cauto nella prova spettacolo del venerdì sera (28° assoluto), per poi accelerare subito sabato mattina. “Non avevo mai disputato una prova spettacolo in un toboga come il Palasport. Le mie uniche esperienze si limitano al Saluzzo Master Show, ma in quell'occasione non ci si confronta con il cronometro e, soprattutto, se si pizzica una gomma non si compromette tutta la gara”. Il giorno dopo Bernardi dimostra di saperci fare nella difficile My Way dove stacca il 16° tempo assoluto.


Superata indenne la “Massimo Canevari” Bernardi vive il brivido sulla “Torriglia”. “In una curva veloce ho stretto troppo ed ho toccato leggermente un rail: per un attimo ho temuto di aver forato ed ho alzato un pò  il piede...”. Ma i brividi non erano finiti. Nella prima prova dopo il riordino di metà gara Bernardi si è ritrovato con il piede incastrato fra il pedale dell'acceleratore e quello del freno. “Siamo riusciti a girare solo attaccandoci al freno a mano. Fortunatamente non abbiamo toccato nulla e non ci siamo girati. Da quel momento tutto è filato liscio come l'olio e alla fine siamo riusciti a conquistare anche una posizione sul podio”. Il Lanterna è stato anche la prima esperienza di Giorgio Bernardi a fianco del pavese Paolo Zanini. “Paolo è un grande navigatore che è riuscito ad infondermi sicurezza ed insegnarmi parecchie cose: abbiamo subito trovato il feeling". (6 mag.)