Altri articoli...

Rally della Lanterna da incorniciare per Davide Craviotto

Rally della Lanterna tutto da incorniciare per Davide Craviotto. Il pilota genovese, in lizza nella gara di casa insieme al fido "naviga" Fabrizio Piccinini ed alla guida della Peugeot 208 messagli a disposizione dalla By Bianchi, ha infatti conquistato l'ottava posizione assoluta finale, su trentaquattro classificati, oltre alla seconda piazza di classe R2T, alle spalle del giovane emergente Gianluca Caserza.


"Una partecipazione più che positiva - sottolinea il portacolori della Racing for Genova Team - conclusasi con un piazzamento finale che mi soddisfa in pieno. Ormai corro veramente poco, tra un rally e l’altro passano oltre tre mesi e quindi non posso pretendere di più di quello che ho conquistato in questa gara: sono, però, molto contento anche per essere riuscito a non demeritare nel confronto con Gianluca Caserza, considerato giustamente il miglior giovane genovese di questa specialità".


"La  nostra gara è andata molto bene - aggiunge Davide Craviotto - fatta eccezione per una scelta azzardata di pneumatici, rivelatasi poi errata, che nella fase finale ci ha fatto andare in sofferenza e ci è costata qualche secondo. A parte questo, siamo andati forte cercando di non sbagliare, cosa non difficile su quelle strade impegnative e molto veloci: peccato che abbiano annullato l'ultimo passaggio sulla speciale di Rocca Grimalda. Vorrei ringraziare il Team By Bianchi, impeccabile come sempre, e la mia scuderia, la Racing for Genova Team, per la sua costante presenza". (1 nov.)

 

Caserza e Verardo fanno volare la Lanterna Corse RT nella gara di casa

Due vetture nella top ten, ben undici podi di classe.


Il 32° Rally della Lanterna sarà una gara da ricordare per la Lanterna Corse Rally Team. Per la scuderia padrona di casa sono infatti arrivati diversi risultati di rilievo, a partire dai due equipaggi piazzati nella top ten assoluta. Gianluca Caserza e Federico Capilli, a bordo di una Peugeot 208 (ph) , hanno dominato la classe R2B, chiudendo in settima posizione assoluta e lasciandosi alle spalle numerosi equipaggi e vetture sulla carta nettamente superiori: la gara di Caserza è stata esemplare ed il giovane talento genovese ha dimostrato nuovamente tutto il suo valore, nonostante le pochissime partecipazioni stagionali.


Giornata da protagonisti anche per Alberto Verardo e Cristina Rinaldis, autori di una grintosa rimonta, che li ha portati a vincere la classe N3 ed il Gruppo N, chiudendo in decima posizione assoluta. Con la Renault Clio finalmente a punto, Verardo ha dimostrato di poter competere con i migliori interpreti della N3. Terza posizione di classe per i friulani Matteo Bearzi ed Andrea Prizzon, in gara con una Clio R3C, portacolori LCRT per l’occasione; doppio podio in classe A7 per una coppia di Clio Williams, con Giuseppe Garziano ed Alessandro Cervi al secondo posto, che hanno preceduto i compagni di team Gian Luca Incontrera e Nicolò Minetti.

 

Marco Cotugno e Maddalena Grimaldi hanno terminato secondi in A6 con una Renault Clio, stringendo i denti per un problema all’idroguida che li ha accompagnati per tutta la gara. Missione compiuta anche per Francesco Bigotti ed Edoardo Crocco, secondi in A5 con la Peugeot 106 al primo impegno rallystico. Tris di arrivi in classe N2, con Stefano Comando e Davide Caponetto secondi su Citroen Saxo, davanti alla Peugeot 106 di Michele Zerega con Martina Balducchi ed all’altra Saxo di Luca Beninati e Davide Morando.

 

Arrivo in solitaria per Danilo Roggerone e Giorgia Lecca in classe RS3 con la Citroen C2, traguardo raggiunto anche dal debuttante Massimo Oliveri, secondo in R1A con la Renault Twingo ed affiancato da Simona Camera. All’appello mancano purtroppo Fabrizio Timoneri e Maurizio Lana, fermati da problemi di gioventù della loro Opel Astra A7, terminata poco prima del weekend di gara. (31 ott.)

 


Il Lanterna "numero 32" è di Mauro Miele e Luca Beltrame

Sul podio Gabriele Cogni e Federico Gasperetti davanti ad uno strepitoso Danilo Ameglio.

 

Mauro Miele e Luca Beltrame sono i vincitori del 32° Rally della Lanterna, a bordo di una Ford Fiesta WRC. La coppia della Top Rally si è imposta dopo una bella lotta con la Peugeot 208 R5 di Gabriele Cogni e Marco Pollicino, portacolori della Meteco Corse. Sul terzo gradino del podio salgono i toscani Federico Gasperetti e Federico Ferrari, primi tra le due ruote motrici su una Renault Clio R3T della Pistoia Corse. Prestazione da incorniciare per Danilo Ameglio e Massimo Marinotto, quarti con la piccola Peugeot 106 A6 della Racing for Genova Team. Quinta posizione per Paolo Benvenuti e Sara Torielli, su Renault Clio R3C della Scuderia La Superba, davanti a Nicholas Cianfanelli e Gabriele Zanni, su un’altra Clio R3C della Nico Racing. Settima posizione e prima in R2B per i genovesi Gianluca Caserza e Federico Capilli, su Peugeot 208 della Lanterna Corse Rally Team, davanti ai diretti avversari Davide Craviotto e Fabrizio Piccinini, su un’altra Peugeot 208 della Racing for Genova Team. Nona posizione per la Renault Twingo R2B di Kim Daldini e Daniele Rocca (La Superba), mentre Alberto Verardo e Cristina Rinaldis chiudono la top ten e si aggiudicano la N3 con una Renault Clio della Lanterna Corse Rally Team. Giornata davvero sfortunata per Marco Depau, al debutto sulla Skoda R5 e ritirato per un guasto al cambio sul trasferimento dopo l’ultima prova speciale, quando occupava la quinta posizione assoluta.

 

PS3 Ciazze – Km 12,3: La ripartenza mattutina è nel segno di Cogni, che con 7’24” mette tutti in fila, ma a sorprendere è Gasperetti, che chiude secondo a 7”1, mettendosi alle spalle Miele, terzo a 8”4 e Giacobone, quarto a 14”5. Depau è quinto a 15”, seguito da Ameglio a 17”2, sempre velocissimo con la piccola 106. Settimo tempo per Cianfanelli a 17”9, mentre Roggero chiude ottavo a 19”. Nona piazza a Benvenuti, staccato di 21”9, il decimo tempo va a Caserza, a 25” dal leader. Giacobone purtroppo si ritira per un problema meccanico poco dopo essere uscito dalla prova.

 

PS4 Rocca Grimalda – Km 11,3: E’ nuovamente Cogni il migliore, con il tempo di 6’13”6. Miele insegue a 4”6 e Gasperetti si conferma al vertice, chiudendo terzo a 13”2. Quarto tempo per Benvenuti a 19”1, davanti ad Ameglio a 23” e Cianfanelli a 23”5. Roggero firma il settimo tempo a 25”1, di poco davanti a Depau, ottavo a 26”1. Daldini è il migliore tra le R2 e chiude nono in ritardo di 32”7, davanti al diretto avversario Craviotto, decimo a 36”5.

 

PS5 Ciazze – Mk 12,3: la reazione di Miele non si fa attendere ed il lombardo porta la sua Fiesta davanti a tutti, col tempo di 7’08”5. Cogni è in ritardo di 4”5, mentre Gasperetti si conferma terzo a 13”6. Depau torna a ridosso dei primi, chiudendo quarto a 21”6, davanti a Benvenuti, quinto a 24”7. Ameglio si conferma in sesta posizione a 26”4, mentre Caserza questa volta primeggia in R2, chiudendo settimo a 29”6 e precedendo il diretto avversario Craviotto, ottavo a 28”2. Cianfanelli occupa la nona posizione a 39”9, mentre Verardo chiude la top ten ed è primo in N3 a 40”2.

 

PS6 Belvedere – Km 6,1: Miele si conferma il più veloce in 3’23”5, lasciando Cogni a 3”5 e Gasperetti a 8”8. Benvenuti è quarto a 12”3, seguito da Depau, quinto a 12”7 e da Cianfanelli, sesto a 13”8. Daldini, Caserza e Craviotto sono rispettivamente  settimo, ottavo e nono, con distacchi di 14”7, 18”5 e 19”6, precedendo Bearzi, decimo a 26”7.

 

PS7 San Giacomo Km 4,2: Miele piazza un affondo che potrebbe rivelarsi decisivo, vincendo la prova in 2’19”2 e lasciando Cogni a 4”3. Gasperetti si conferma terzo a 8”6, seguito ad un solo decimo da Benvenuti. Ameglio chiude quinto a 9”, mentre Depau è sesto a 10”4. Settima piazza per Cianfanelli a 10”6, che precede Caserza, ottavo a 13”3 e Daldini, nono a 14”1. Craviotto termina decimo a 16”5.

 

PS8 Ciazze – Km 10,7: Miele ha confermato di aver decisamente cambiato marcia, vincendo anche l’ultima PS disputata con il tempo di 7’04”9. Cogni si accontenta della seconda posizione a 13”7, mentre Gasperetti è terzo a 16”. Quarto tempo per Ameglio a 23”7, seguito da Caserza a 26”8.

 

PS9 Rocca Grimalda – Km 11,7: La prova viene annullata, di seguito il comunicato integrale della Direzione Gara: “Il Direttore di gara comunica al collegio dei commissari sportivi che la PS 9 “Rocca Grimalda 2” non viene effettuata, in quanto nel primo passaggio la media dei primi cinque equipaggi è stata superiore a 100 km\h. Le vetture in sosta al riordino 4, in conseguenza di ciò è stato deciso di far uscire la prima vettura alle ore 16.11 anziché alle 16.30, con tempo settore di 1h 19’, come indicato nella tabella di marcia. L’arrivo della prima vettura è previsto alle ore 17.30”. (30 ott.)

 


Mauro Miele alla guida del "Lanterna" dopo 2 prove

Strata - Garbero out mentre si trovavano in testa alla gara.


Inizia sotto il segno di Mauro Miele il 32° Rally della Lanterna. Il driver varesino  - che in sede di verifica si è avvicendato alla guida della vettura iscritta dal figlio Simone - è infatti al comando dopo le prime due prove speciali, con 15”2 di vantaggio su Gigi Giacobone. Alle spalle delle due Ford Fiesta WRC si trova la Peugeot 208 R5 di Gabriele Cogni, staccato di 20”8, mentre Depau, con la Skoda Fabia R5 è in quarta posizione a 45”3. Federico Gasperetti, su Clio R3T, si trova al comando tra le due ruote motrici ed è quinto a  49”8. La gara ha perso subito un protagonista, il genovese Marco Strata, che dopo aver vinto la prima prova speciale, esce di strada irrimediabilmente, forse tradito dall’umidità arrivata con l’oscurità.


PS1 Castello – Km 10,7: Il 32° Rally della Lanterna si apre con l’acuto di Marco Strata, imprendibile sulla strada di casa. Il genovese chiude in 6’51”6, lasciando Miele indietro di 1” e Giacobone a ben 6”9. Quarta posizione per Cogni a 11”8, seguito da Depau a 22”3. Splendida prestazione di Ameglio, sesto a 27”1 e primo tra le due ruote motrici, con Gasperetti settimo a 29” e Canzian ottavo a 31”8. MArio Tabacco si impone in N3 ed è nono a 35”, mentre il decimo posto è di Cianfanelli, staccato di 35”2. Paolo Benvenuti fora e lascia per strada parecchi secondi.


PS2 Castello – Km 10,7: il primo colpo di scena arriva prestissimo: Marco Strata, con Ylenia Garbero, esce di strada nei primi chilometri e deve abbandonare la gara che lo avrebbe visto tra i principali protagonisti. Miele si impone in 6’54”, seguito da Giacobone, che però accusa un ritardo di 9”3. Cogni è terzo a 10”, seguito da Gasperetti, quarto a 21”8 e da Depau, quinto a 24”. Ad Ameglio viene attribuito il tempo imposto che lo conferma in sesta posizione a 27”3, mentre Canzian è settimo a 30”8. Ottava piazza per Gianluca Caserza, in gran spolvero con la 208 R2 a 31”8, seguito da Benvenuti a 31”9 e da Tabacco, anch’egli con tempo imposto a 35”2. La prova viene interrotta dopo l’incidente che coinvolge la vettura numero 20 di Petrolo -Parodi (Peugeot 208 R2B), per consentire all’ambulanza di soccorrere il pilota, trasportato per un controllo all’Ospedale Villa Scassi. Le condizioni di Petrolo non destano comunque preoccupazioni. Gli equipaggi successivi quindi vengono dirottati sul percorso alternativo e viene loro assegnato il tempo imposto.


Classifica provvisoria dopo 2 speciali: 1.Miele,M. - Beltrame,L. (FORD FIESTA) in 13'46.6; 2.Giacobone,L. - Ravano,A. (FORD FIESTA) a 15.2; 3.Cogni,G. - Pollicino,M. (PEUGEOT 208) a 20.8; 4.Depau,M. - Malinarich,G. (SKODA FABIA) a 45.3; 5.Gasperetti,F. - Ferrari,F. (RENAULT CLIO) a 49.8; 6.Ameglio,D. - Marinotto,M. (PEUGEOT 106 16V) a 53.4; 7.Canzian,R. - Nobili,M. (RENAULT CLIO) a 1'01.6; 8.Caserza,G. - Capilli,F. (PEUGEOT 208) a 1'07.8; 9.Tabacco,M. - Pozzo,G. (RENAULT CLIO RS) a 1'09.2; 10.Cianfanelli,N. - Zanni,G. (RENAULT CLIO) a 1'11.8 (29 ott.)


Lanterna Corse Rally Team fa "13 " alla gara di casa

La Lanterna Corse Rally Team si prepara in grande stile alla partecipazione al Rally della Lanterna, gara di casa per la scuderia genovese, che vedrà ben tredici vetture in gara. Già prima del via arriva un piccolo primato, quello della scuderia più rappresentata, ma non mancheranno certo le soddisfazioni in gara.


La pattuglia sarà capitanata dalla Renault Clio R3C di Matteo Bearzi ed Andrea Prizzon, per l’occasione in gara con i colori sociali. L’attenzione, però, sarà tutta sulla Peugeot 208 di Gianluca Caserza, autore di una grande gara alla Ronde della Val d’Aveto (ph), che condividerà l’abitacolo con Federico Capilli.

 

Tre le vetture in classe A7, le Renault Clio di Garziano - Cervi e Incontrera - Minetti, seguite dalla Opel Corsa di Timoneri - Lana. Alberto Verardo e Cristina Rinaldis daranno la caccia alla vittoria in una classe N3 non certo facile, mentre Marco Cotugno e Maddalena Grimaldi saranno al via in A6 con una Renault Clio.

 

Tre equipaggi in classe N2: Comando - Caponetto e Beninati - Morando su Citroen Saxo, Zerega - Balducchi su Peugeot 106. Danilo Roggerone e Giorgia Lecca utilizzeranno una Citroen Saxo RS3, mentre Massimo Oliveri e Simona Camera prenderanno parte alla gara con una Renault Twingo R1A. (27 ott.)