Alla Peugeot 208 di Andreucci - Andreussi il 62esimo Rallye Sanremo

Il savonese Claudio Vallino primo (a tavolino) nell'appendice del Trofeo Suzuki Swift.


Paolo Andreucci e Anna Andreussi, su Peugeot 208 (nella foto) , sono i vincitori della 62esima edizione del Rallye Sanremo, secondo appuntamento valido per il Campionato Italiano Rally. Il campione toscano pone, per la terza volta, la propria firma sull'albo d'oro della competizione, al termine di una gara dominata dall'inizio alla fine. In testa dopo la prima speciale, Andreucci sigla la vittoria di sette prove su dieci e tra queste la Ronde notturna, gli oltre 45 chilometri da correre alla luce delle fanaliere che da soli valgono una carriera. “E' stata una vittoria molto difficile”, ha commentato il vincitore nel corso della conferenza stampa di fine gara. “Un Sanremo lottato e combattuto, fin dalla prima tappa dove i tempi fatti segnare da chi poteva ambire al successo erano molto vicini”. Primo tra questi Giandomenico Basso che, assistito alle note da Lorenzo Granai, al volante della sua Ford Fiesta ha concluso a 34”3 dai vincitori. Terza posizione, a 1'25”4 dai primi, per Stefano Albertini e Danilo Fappani autori di un finale in crescendo su Peugeot 208.


Successo nel Trofeo Renault Clio R3T di Luca Rossetti e Matteo Chiarchossi, che hanno conquistato l'ottavo posto assoluto, ed hanno regolato Ivan Ferrarotti - Manuel Fenoli. Decimo posto assoluto per Michele Tassone - Daniele Michi, Peugeot 208 R2B che hanno anche dominato la classifica Junior del Campionato Italiano Rally e la categoria R2. Un successo netto del pilota cuneese che ha preceduto di 1'50” Giuseppe Testa ed Emanuele Inglesi ribaltando il risultato della prima gara di Campionato Italiano al Rally del Ciocco. Nel Trofeo Renault Twingo vittoria di Luca Panzani - Sara Baldacci, 14esimi assoluti, che hanno condotto la classifica riservata alla piccola di Casa Renault dal primo all'ultimo metro.


Più combattuto il Trofeo Suzuki Swift, che alla fine ha visto Claudio Gubertini - Alberto Ialungo, 24esimi assoluti, primi con 13”7 di vantaggio su Alessandro Uliana - ”Mad Jack”. A seguito del reclamo presentato dal concorrente Paolo Amorisco, il Collegio dei Commissari Sportivi, sulla base delle irregolarità riscontrate dai verificatori tecnici su particolari delle sospensioni delle vetture numero 101 (Claudio Gubertini), 102 (Alessandro Uliana) e 111 (Jacopo Lucarelli) ha deciso l'esclusione dalla classifica finale del 62esimo Rallye Sanremo dei sopracitati concorrenti. Pertanto la nuova classifica del Trofeo R1 del 62esimo Rallye Sanremo è risultata la seguente: 1. Vallino - Desole (Suzuki Swift) in 2:08'50.5; 2. Amorisco - Cavallotto (Suzuki Swift) a 25.4; 3. Denaro - Camoirano (Suzuki Swift) a 46.6; 4. Strabello - Bianchi (Suzuki Swift) a 2'59.3; 5. Rao - Zeppegno (Suzuki Swift) a 3'28.2.


Classifica finale: 1. Andreucci - Andreussi (Peugeot 208) in 1:45'55.8; 2. Basso - Granai (Ford Fiesta Ldi) a 34.3; 3. Albertini - Fappani (Peugeot 208) a 1'25.4; 4. Scandola - D'Amore (Skoda Fabia) a 2'01.9; 5. Chardonnet - Vilmot (Ford Fiesta) a 3'08.1; 6. Baccega - Ottaviani (Ford Fiesta) a 6'52.5; 7. 'CIAVA' - Ciucci (Ford Fiesta) a 7'23.1; 8. Rossetti - Chiarcossi (Renault Clio) a 8'28.4; 9. Ferrarotti - Fenoli (Renault Clio) a 8'32.3; 10. Tassone - Michi (Peugeot 208) a 8'57.9. (12 apr.)

Il Rallye Sanremo rilancia i campioni

Andreucci (Peugeot), Basso (Ford) e Scandola (Skoda), delusi dalla gara del Ciocco, i principali protagonisti della prima parte della classica ligure valida, seconda prova del CIR. L'idroguida ferma il primo leader del "tricolore" Alessandro Perico.


Paolo Andreucci ed Anna Andreussi, Peugeot 208 T16 R5 (nella foto), sono al comando dopo le prime cinque prove del 62° Rallye Sanremo , gara valida come seconda prova del Campionato Italiano Rally 2015. Il toscano si è fino a questo momento aggiudicato, quattro dei cinque tratti cronometrati e comanda con 11”4 di vantaggio sull’equipaggio della BRC, Giandomenico Basso e Lorenzo Granai, Ford Fiesta R5 alimentata a Gpl, e 11”7 sul veronese Umberto Scandola, Skoda Fabia Super 2000. I tre sono i maggiori indiziati per la vittoria, anche se alla fine della gara manca ancora la lunga Ronde notturna di oltre 45 chilometri, che si correrà in nottata, e tutta la seconda tappa in programma domani e comprendente altre quattro tratti cronometrati. La prima parte della gara ha comunque detto che i big del campionato, delusi dal risultato del primo appuntamento del Ciocco, si sono ripresi il loro ruolo di protagonisti. Questo anche grazie al ritiro del bergamasco Alessandro Perico, vincitore in Toscana, che si è fermato per un problema all’idroguida. Buone le prove del bresciano Stefano Albertini, quarto a 33”9 con la sua Peugeot 208 T16, e del francese Chardonnet che, al debutto sulle strade del Sanremo, è al momento quinto con la sua Ford Fiesta R5, anche se con un distacco di 57”. Non buona al momento la prova di Nicola Caldani, terzo al Ciocco, rallentato da molti problemi di assetto.


Nella corsa al titolo tricolore Produzione al momento dominano Luca Rossetti e Matteo Chiarchiossi con la Renault Clio R3T, mentre a comandare nel CIR Junior dopo cinque prove è il piemontese Michele Tassone insieme a Daniele Michi, su Peugeot 208 R2, davanti ai suoi avversari primo fra tutti Giuseppe Testa rallentato da una foratura dell’anteriore sinistra della sua Peugeot 208 R2, nella quarta prova. Tra le Twingo a comandare passa il toscano Panzani dopo che il leader del trofeo Bernardi ha rotto il motore dopo la seconda prova. Nel Suzuki Rally Trophy/Trofeo ACI R1 dopo quattro prove, l’emiliano Claudio Gubertini sembra intenzionato a non voler cedere la testa della classifica, tra le Suzuki Swift Sport 1.6 R1B, seguito da Alessandro Uliana e Jacopo Lucarelli. Domani, Sabato 11 aprile, i motori si riaccenderanno alle 9:30, per la seconda tappa conclusiva che prevede le due prove di “Passo del Maro” e “Vignai”. L’arrivo a Piazza Adolfo Rava alle 18.00.


Classifica dopo cinque prove: 1. Andreucci - Andreussi (Peugeot T16 R5) in 36'52.9; 2. Basso - Granai (Ford Fiesta R5 Ldi) a 11.4; 3.Scandola - D’Amore (Skoda Fabia S2000) a 11.7; 4. Albertini - Fappani (Peugeot 208 T16 R5) a 33.9; 5. Chardonnet - Vilmot (Ford Fiesta R5)a 57.3; 6. Caldani#NC3-Farnocchia (Ford Fiesta R5) a 1’ 30; 7.Baccega - Ottaviani (Ford Fiesta R5) a 2’32.6;  8 .Rossetti - Chiarcossi (Renault Clio R3T) a 3’04.9; 9.Tassone - Michi (Peugeot 208 R2) a 3’09.8; 10.Noberasco - Ferrara (Ford Fiesta R5) a 3’13.4. (10 apr.)


A Sanremo tira aria da... rally

La gara è valida come seconda prova del Campionato Italiano Rally e per l’Italiano ed Europeo rally storici: 181 gli iscritti, venerdì via alla prima tappa.


Tutto pronto per il 62°Rallye Sanremo, secondo appuntamento del Campionato Italiano Rally 2015 in programma questo weekend.  Domani si accenderanno per la prima volta i motori da corsa con lo shakedown, il test con le auto in assetto gara, che durerà dalle 12,30 sino alle ore 17,00. La parte competitiva del rally scatterà alle ore 12,00 di venerdì 10 aprile da Piazzale Adolfo Rava di Sanremo per la prima tappa che si concluderà appena dopo la mezzanotte (ore 0,45 di sabato 11 aprile) al Palafiori. Quella ligure, organizzata dall’Automobile Club di Saremo si prospetta, una gara bella e difficile, dai pronostici altrettanti difficili ed indecifrabili visti i numeri, i nomi e le vetture presenti a questa sessantaduesima edizione. Per la vittoria in gara e per la conquista dei punti pesanti per il tricolore saranno in gara il bergamasco Alessandro Perico su Peugeot 208 T16 R5, gommata Pirelli (nella foto) e al comando della classifica assoluta, davanti al toscano Nicola Caldani, su Ford Fiesta R5 gommata Hankook e al bresciano Stefano Albertini, con la Peugeot 208 T16 R5. Ma i favori del pronostico vanno sempre ai tre grandi delusi della gara del Ciocco il toscano Paolo Andreucci, Peugeot 208 T16 R5 gommata Pirelli, il veneto Giandomenico Basso, Ford Fiesta R5 alimentata a GPL gommata Michelin e il veronese Umberto Scandola, Skoda Fabia Super 2000 gommata Michelin. Prova da osservare con attenzione sarà quella del francese Sebastien Chardonnet, che correrà con la Ford Fiesta R5 a partire da Sanremo e proseguirà per tutti gli altri appuntamenti di questa stagione del tricolore rally. Tra le altre presenze dell’assoluta non mancheranno Gabriele Ciavarella e Stefano Baccega entrambi sulle Ford Fiesta R5, preparate dal Team Bernini.


La classica sanremese sarà anche la seconda prova del titolo tricolore Produzione che vedrà un’intensa lotta tra quattro Renault Clio R3T affidate al pavese Giacomo Scattolon, vincitore al Ciocco, al savonese Fabrizio Andolfi Junior, al friulano Luca Rossetti e, al reggiano Ivan Ferrarotti. Per quanto riguarda il Campionato Italiano Junior saranno davvero tanti i concorrenti a battagliarsi per ottenere punti importanti.  Giuseppe Testa, capolista dopo il Ciocco, Michele Tassone, Peugeot Junior Rally Team, Nicolò Marchioro, Damiano De Tommaso, Tobia Gheno, Alberto Rossi, e Jacopo Trevisani tutti sulle Peugeot 208 R2 e ancora Giorgio Bernardi, Luca Panzani, Gianandrea Pisani e la giovane Corinne Federighi su Renault Twingo R2. Il rally sanremese vedrà poi in corsa anche i partecipanti dei Trofei Renault, Clio R3T Italiano ed Europeo e Twingo R2 Top, del Suzuki Rally Trophy/Trofeo ACI R1 in gara con ben 15 equipaggi.


Questo il programma di gara: 10 prove speciali tutte su asfalto, pari a 160,660 km, immerse in un percorso globale di 488,21 chilometri. Partenza del rally, Venerdì 10 aprile ore 12.00 da Sanremo dal Piazzale Adolfo Rava, davanti alla Ex-stazione ferroviaria. In programma sei prove speciali pari a 103.42 chilometri. I concorrenti saranno impegnati sulle prove di speciali di “San Romolo”(14,34km), “Bignone”(10,64 km) da percorrere due volte e di “Semoigo” (7,42 km). A chiudere la prima tappa sarà poi l’attesissima e lunghissima prova notturna, denominata Ronde, di 45.62 chilometri che racchiude le tre prove già disputate in una sola. Sabato, con la seconda tappa con partenza alle ore 9.30 ed arrivo in Piazzale Adolfo Rava alle 18. In programma altre quattro prove, quelle di “Passo del Maro”(14,21 km) e “Vignai” (14,24 km), da correre due volte, pari a quasi 57 chilometri cronometrati. (8 apr.)


Sfida grossa tra tutti i "big" al 62° Rallye Sanremo

Un solo fine settimana; la convergenza di quattro gare. Fra storiche e moderne. È quanto accadrà nella “Città dei Fiori” il fine settimana dall'8 all'11 aprile, quando la 62esima edizione del Rallye Sanremo, farà da traino alla settima edizione del Sanremo Leggenda, alla trentesima edizione del Sanremo Rally Storico che sarà abbinato alla tradizionale Coppa dei Fiori.


62° Sanremo Rallye – È il secondo appuntamento del Campionato Italiano Rally, la serie che assegna il titolo assoluto piloti, e vedrà al via tutti i top driver nazionali a caccia del titolo tricolore. Oltre alle giovani promesse che puntano al titolo Junior, ed ai gentleman driver che inseguono il titolo Produzione. Si comincerà con l’apertura delle iscrizioni, lunedì 9 marzo, che chiuderanno venerdì 27. I concorrenti convergeranno su Sanremo martedì 7 aprile per il ritiro del road book, il libretto che riporta tutto il tracciato di gara, ed iniziare le ricognizioni del percorso con vetture di serie, rispettando il codice della strada. Giovedì 9 aprile si svolgeranno le verifiche sportive e tecniche, ed alle ore 12,30, in località San Romolo, si accenderanno per la prima volta i motori da corsa con lo shake down (il test con le auto in assetto gara) che durerà sino alle ore 17,00.


La parte competitiva del 62° Rallye Sanremo scatterà alle ore 12,00 di venerdì 10 aprile da Piazzale Adolfo Rava di Sanremo per la prima tappa che si concluderà appena dopo la mezzanotte (ore 0,45 di sabato 11 aprile) al Palafiori. Poche ore di riposo ed alle 9,30 la seconda e decisiva tappa prenderà il via dal Palafiori per concludersi alle ore 18,00 in Piazzale Adolfo Rava con la premiazione in pedana dei vincitori. Il 62° Rallye Sanremo è valido per il Campionato Italiano Rallye, per il CIR Junior, per il CIR Produzione, per il Trofeo Clio R3T Italiano ed Europeo, e per il Trofeo Twingo Italia R2.

 

Al Ciocco, prova di apertura del CIR hanno vinto Perico-Turati, con i probabili protagonisti del campionato, Paolo Andreucci, Giandomenico Basso e Umberto Scandola ritirati o in difficoltà. E tutto ciò renderà più elettrizzante la sfida del prossimo Sanremo Rallye. Importante novità delle scorse ore, Sebastien Chardonnet, fra l’altro vincitore del WRC 3 nel 2013. Sarà al via del Rallye di Sanremo è sta perfezionando l’iscrizione anche al Campionato Italiano Rally che lo vedrà quindi tra i suoi più accreditati protagonisti. Il francese sarà in corsa con una Ford Fiesta R5 gommata Pirelli. (2 apr.)