“Pokerissimo” di Andreucci - Andreussi al Rallye Sanremo

Paolo Andreucci e Anna Andreussi calano la cinquina al 64° Rallye Sanremo e dopo le vittorie del 2006, 2010, 2015 e 2016 scrivono ancora una volta il loro nome sull'albo d'oro della competizione che, per due giorni, ha portato nella Città dei Fiori i migliori interpreti della specialità, protagonisti del Campionato Italiano Rally di cui il Sanremo è il secondo appuntamento. L'equipaggio della Peugeot 208 T16 (ph) sale sul gradino più alto del podio al termine di una gara che ha dominato: ieri, in Gara 1, grazie al successo in quattro delle sei prove speciali dove Umberto Scandola e Guido D'Amore, su Škoda Fabia R5, vincono la San Romolo e Hayden Paddon e Sebastian Marshall, su Hyundai i20, siglano la Mini Ronde corsa alla luce delle fanaliere; oggi, in Gara 2, con altrettante vittorie sulle cinque in programma e dove Andrea Nucita e Marco Vozzo, su Škoda Fabia R5, si concedono il lusso di vincere l'ultima delle speciali di questo Rallye Sanremo.

 

Dopo il tris di vittorie in altrettante speciali messo a segno nel primo giro di prove di una giornata iniziata all'alba sotto un cielo parzialmente nuvoloso, il pilota toscano nove volte campione tricolore mette la propria firma anche dopo il secondo passaggio sulla San Damiano, prova che per la prima volta trova posto sulle “cartine” del rally. Subito dietro di lui, a 1”4, il pilota neozelandese della Hyundai qui per preparare la prossima trasferta mondiale in Corsica, seguito da Umberto Scandola che si conferma al terzo posto quando manca una sola prova, ultimo atto di questo Sanremo, un rally difficile e quanto mai incerto per la situazione meteo che va peggiorando e che, sul finale, prova a mischiare le carte. Paolo Andreucci corre gli ultimi chilometri che lo separano dalla vittoria – asciutti i primi e bagnati gli ultimi dopo il Colle d'Oggia sotto la pioggia a tratti battente – con il passo di chi non ha nessuna intenzione di gettare al vento una gara pressoché perfetta e, nonostante tutto, piazza il secondo tempo a due secondi da Andrea Nucita. In difficoltà anche Hayden Paddon che con il terzo tempo di prova conclude il suo Sanremo sul secondo gradino del podio a 38”6 da Andreucci. A Umberto Scandola, partito con un assetto da asciutto sulla sua Škoda, il quarto tempo basta e avanza per portare a casa il terzo posto e raccogliere i meritati applausi del sempre numeroso pubblico. Di rilievo la gara di Elvis Chentre e il savonese Fulvio Florean (Hunday I20), quinti assoluti e primi della speciale graduatoria risevata ai partecipanti al TRA (Trofeo Rally Asfalto).


Classifica assoluta: 1. Andreucci - Andreussi (Peugeot 208 T16) in 1:53'35.3; 2. Paddon - Marshall (Hyundai I20) a 38.6; 3. Scandola - D'Amore (Skoda Fabia) a 1'16.5; 4. Perico - Turati (Skoda Fabia) a 3'34.4; 5. Chentre - Florean (Hyundai I20) a 5'33.3; 6. Ferrarotti - Caputo (Ford Fiesta) a 8'33.6; 7. Andolfi - Menchini (Abarth 124 Rally) a 9'22.3; 8. Gilardoni - Bonato (Renault Clio) a 12'26.3; 9. Gache - Belhacene (Abarth 124 Rally) a 12'48.3; 10. Pollara - Princiotto (Peugeot 208 Vti) a 13'44.5

 

I vincitori dei vari Trofei - Renault Clio R3 Top: 1. Gilardoni – Bonato; Renault Clio Twingo R1: 1. Paris – Benellini; Peugeot 208 Top: 1. Bottarelli – Fenoli; Abarth 124 Rally: 1. Andolfi – Menchini; Suzuki Rally Trophy: 1. Martinelli – Brugiati; Michelin R2 Rally Cup: 1 Vita – Gonella. (1 apr./ph Nicolas Rettagliati)