Altri articoli...

Andrea Tomaino subito ko

Pollice verso per Andrea Tomaino alla Ronde di Albenga, a cui era iscritto con Alessandro Venzano e con la sua Citroën C2 Super 1600. Il portacolori della scuderia Racing for Genova è stato, infatti, costretto al ritiro, per un problema di natura meccanica, già dalla prima delle previste quattro prove speciali. “Nei prossimi giorni analizzeremo sia la natura che l’entità del problema verificatosi – ha rilevato il pilota genovese subito dopo lo stop – e poi valuteremo se ci sarà ancora l’opportunità di prendere parte alla prossima ronde Valli Imperiesi. Di certo, non mi aspettavo di dovermi ritirare per un guasto meccanico: la vettura è praticamente nuova, l’abbiamo rifatta tutta all’inizio dell’anno e questo sarebbe stato il quinto impiego stagionale. Al di là dell’amarezza per il ritiro, che ad ogni modo può sempre capitare, mi spiace molto non aver neppure concluso una prova speciale e quindi di non aver avuto neppure un solo scratch per potermi confrontare con gli avversari della mia classe”. Ancora tanta sfortuna, dunque, per Andrea Tomaino che, dopo le ultime due uscite positive - Ronde 12 Ore del Ciocco e rally di Torriglia – sperava di allungare la serie per prepararsi al meglio alla successiva ronde Valli Imperiesi, ultimo atto della stagione agonistica ligure. Nei prossimi giorni, ad ogni modo, dopo aver valutato la rottura che lo ha costretto al ritiro, il portacolori della Racing for Genova deciderà se partecipare alla gara imperiese, se non altro per cancellare subito questa pagina amara e per provare a chiudere bene una stagione in cui, per l’ennesima volta, ha racimolato un cospicuo credito con la sfortuna. (26 ott.)

“Vola” la Citroen Xsara di Corona – Gagliardi

Al debutto sulla Citroen Xsara Wrc, Gioacchino Corona e Marco Gagliardi si sono aggiudicati la 5^ edizione della Ronde di Albenga. L’equipaggio della Scr MotorSport ha vinto tutti e quattro i passaggi in programma entrando immediatamente in sintonia con la nuova vettura e imponendo già dalle prime battute un ritmo sempre molto elevato. Alle spalle dei vincitori hanno concluso il savonese Manuel De Micheli, al via con il toscano Daniele Michi e a bordo di una Peugeot 306 Maxi: un risultato meritato dopo un inizio nel quale l’equipaggio della Dagda Sport è stato rallentato dal cedimento dell’ammortizzatore anteriore sinistro. Sul gradino più basso del podio hanno concluso i bresciani Gianpietro Antonelli e Stefano Botticini in gara sulla Peugeot 207 con la quale hanno dominato la classe delle Super 2000. Quarto posto finale e successo nella classe riservata alle Super 1.6 per i savonesi Francesco Aragno e Fulvio Ganci al via su una Renault Clio, la stessa che recentemente ha permesso all’equipaggio del Rally Club Millesimo di vincere il Rally di Torriglia. Quinto posto per Danilo Ameglio e Massimo Marinotto i quali, lasciata momentaneamente la Peugeot 106 erano al via con la Peugeot 206 Super 1.6. Sul risultato di Ameglio pesa una penalità di dieci secondi inflitta per partenza anticipata. Al sesto posto assoluto concludono Mauro Moreno e Andrea Demonte sulla Peugeot 207 Super 2000 confermandosi come al solito fra i protagonisti più accreditati. Fra le sorprese di questo appuntamento ligure spicca il risultato dei bresciani Mauro Galizioli e Giuseppe Peli al via su una Renault Clio Williams di Scaduta Omologazione con la quale hanno viaggiato costantemente nelle zone alte della classifica. Il savonese Stefano Romagnoli al via con Valentina Rossi conclude all’ottavo posto assoluto a bordo di una Skoda Fabia Wrc; a Valentina Rossi è stato consegnato il Trofeo Cinzia Ghigo quale prima navigatrice all’arrivo. Nono posto assoluto e successo nel produzione di Serie per i piemontesi Marcello e Massimiliano Mondino in gara su una Mitsubishi Evo X con la quale hanno avuto la meglio sulla Subaru Impreza di Silvio Leporace e Nicolas Corbisiero. Concludono al decimo posto assoluto Domenico e Alessandro Salati a bordo di una Renault Clio Williams. La classe R3 è stata conquistata da Renzo Grossi e Angelo Pasquali a bordo di una Renault Clio. Grossi è vicesindaco di Vendone, località dove è transitata la prova speciale. La classifica Femminile è stata vinta da Cristina Tadone e Stefania Parodi su una Renault Clio R3. Dei 98 concorrenti al via,83 hanno regolarmente concluso. Classifica finale: 1. Corona – Gagliardi – Citroen Xsara Wrc in 21’11”4 – 2. De Micheli – Michi – Peugeot 306 Maxi a 31”- 3. Antonelli – Botticini – Peugeot 207 S.2000 a 39”1 – 4. Aragno – Ganci – Renault Clio S.1.6 a 46”9 – 5. Ameglio – Marinotto - Peugeot 206 S.1.6 a 1’01”8 – 6. Moreno – Demonte - Peugeot 207 S. 2000 a 1’09”8 – 7. Galizioli – Peli – Renault Clio W. a 1’10”8 – 8. Romagnoli – Rossi – Skoda Fabia Wrc a 1’18”0 – 9. Mondino - Mondino – Mitsubishi Evo X a 1’35”1 – 10. Salati – Salati – Renault Clio W – a 1’45”7. (25 ott.)

SCR MotorSport si gode il primo successo assoluto

Vittoria assoluta per la scuderia capitanata da Davide Storace. Ino Corona e Marco Gagliardi (Xsara WRC) portano a casa la prima vittoria assoluta della scuderia genovese. Partiti subito all'attacco ipotecano la vittoria già dalla prima prova; nelle due prove successive fanno segnare ancora il miglior tempo (circa 7'02) per poi alzare di 4 secondi per l'ultima tornata mantenendo, anche in quest'ultima, il miglior tempo della sezione cronometrata. Sul palco d'arrivo le parole dello speaker sono :" Prova nuova, palco nuovo, vettura nuova... vincitori vecchi!" ecco come si può riassumere la prestazione della coppia in nero-verde. Ino e Marco, sempre intervistati sul palco d'arrivo, ringraziano l'organizzazione, per la tecnica e bellissima prova speciale, la G.M.A., che fornito la vettura, e tutti i fan che hanno sostenuto l'equipaggio in prova speciale. Gabriele "Odeon" Noberasco, sapientemente coadiuvato da Massimiliano Cerrai, porta alla SCR un piazzamento che entusiasma tutto il gruppo, a partire dal direttore sportivo Andrea Guglielmino che commenta così la grande prestazione del suo beniamino: “Sono un fan di "Odeon" da circa 20anni e l'idea che il mio "idolo" abbia corso con noi portando a casa questa fantastica prestazione in crescendo con il progredire della gara (35° assoluto e 1° di R3T) mi ha regalato una grandissima emozione...". Mauro Zappettini e Lorenzo Risso (106 A6) scacciano, finalmente, la sfortuna che li ha accompagnati per tutta questa stagione: sono riusciti a mettere in mostra quello che sono capaci di fare alla guida di una vettura da competizione giungendo trentaduesimi assoluti e quinti di classe. "Cosa dire di questa gara – afferma il presidente Davide Storace - Ino e Marco sono campioni, su questo non c'è nulla da dire, la loro prestazione eccelsa ha esaltato non solo il sottoscritto ma anche tutta la scuderia: la soddisfazione di avere un equipaggio di questo calibro ci ripaga di tutte le fatiche fatte in questi due anni di attività. La definizione “campioni” non è scelta a caso, ma ricercata: il campione, per definizione, è una persona che pur eccellendo nello sport, in questo specifico caso l'automobilismo, non perde di vista il lato umano; E, parlando di Corona e Gagliardi, il loro lato umano e' altrettanto primeggiante quanto quello sportivo. Noberasco e Cerrai sono campioni e, con la loro prestazione associata a quella di Zappettino - Risso, hanno regalato alla scuderia SCR MotorSport, e a tutti noi, la terza posizione nella classifica della scuderie in una competizione, come quella ingauna, di indubbio valore”. (25 ott.)

Ancora successi per la Lanterna Corse

La Lanterna Corse mette in archivio un altro positivo weekend rallistico in questo finale di stagione 2010 con la partecipazione alla Ronde di Albenga. Da dove è arrivato un altro successo, per la precisione la sedicesima vittoria di classe stagionale, per mano di Massimiliano Bonafini e Lorenzo Bailo che hanno dominato la classe A6 con la loro Peugeot 106. Buone anche le gare dei rivieraschi Flavio Guidi e Maurizio Canale, ottavi in una numerosa classe FA7 con la Opel Kadett, e di Maurizio Risso e Giulia D’Arrigo, sesti in FA5 con la Peugeot 106. (25 ott.)

Dagda Sport primeggia tra le scuderie

24 ottobre 2010: una data da ricordare per la scuderia carcarese Dagda Sport Racing Team, che si è aggiudicata la vittoria nella classifica scuderie alla Ronde di Albenga, con i tempi di De Micheli - Michi (secondi assoluti su Peugeot 306 Maxi), Moreno - Demonte (sesti assoluti su Peugeot 207 S200) e Grossi-Pasquali (quattordicesimi assoluti su Renault New Clio). Ma non è tutto qui, perché il Team ha vinto ben sei classi: A7 con De Micheli - Michi, R3C con Grossi - Pasquali, N3 con Lanza - Leone, N2 con Guastavano - Terribile, FN1 con Moretti - Brovero ed FA6 con Vincenti - Rocchieri. Quest’ultimo equipaggio, definito scherzosamente “Il vecchio e il bambino”, parafrasando Guccini, ha dato forse una soddisfazione ancora più grande di quelli che si sono battuti per la classifica assoluta. L’esperienza di Gino Vincenzi si abbinava all’entusiasmo di Marco Rocchieri, alla sua prima gara in assoluto: il sogno di una (giovanissima) vita che si è coronato dopo un passato difficile in cui Marco, figlio e… fratello d’arte, ha dovuto fare i conti con problemi di salute che ha saputo superare con tanta grinta e coraggio. (25 ott.)