Mille Miglia 2019: tante novità e grande attenzione alla sicurezza stradale

Presentata la nuova edizione: la Freccia Rossa scatterà il 15 maggio e punterà al futuro attraverso la tecnologia


Si è conclusa nel primo pomeriggio di ieri a Brescia, nello storico Palazzo della Loggia, la conferenza stampa della Corsa più bella del mondo, come la definiva Enzo Ferrari. Tante le novità  emerse, in primis quelle che riguardano lo svolgimento della gara di regolarità, sottolineate dagli amministratori delegati di 1000 Miglia, ossia quelle di porre come primo obbiettivo la sicurezza degli equipaggi e garantire maggior tranquillità anche alle auto che si incontrano lungo i percorsi di gara: i tratti saranno più brevi e con un sensibile abbassamento delle velocità medie.


Per la prima volta, dopo diversi anni dalla disputa della Rievocazione, verranno accettati 430 equipaggi, dieci equipaggi in meno rispetto alle scorse edizioni. Non è escluso, in futuro, che questi numeri vengano ancora rivisti al ribasso. Tutto ciò per minimizzare qualsivoglia rischi di incidenti. Ricordiamo che in questa manifestazione partecipano spesso vetture uniche e di grande valore economico.


Un’altra grande novità riguarda l’iscrizione al Registro Mille Miglia, un particolare “elenco” che l’organizzazione ha creato nell’ultimo anno atto a identificare e facilitare le iscrizioni alla Freccia Rossa, già 120 vetture fanno parte di questo particolare Registro. Una novità è che le vetture che hanno partecipato alla MM storica (1927 – 1957), iscritte sino ad ora d’ufficio, “perdono” la priorità, ma verranno comunque trattate con una valutazione particolare. Inoltre, la Mille Miglia “diventa” smart, ossia più facile da consultare poiché il nuovo portale offre servizi e una grafica più tecnologica e all’avanguardia.


Durante la conferenza Aldo Bonomi, Presidente di ACI Brescia nonché promotore della MM, ha dato una bella notizia a tutti i presenti: sono stati nominati tre nuovi amministratori delegati dalla Mille Miglia Srl. I lori nomi non sono di certo sconosciuti: Alice Mangiavini, Maurizio Arrivabene e Matteo Marzotto. I giornalisti presenti hanno potuto confrontarsi con personaggi che ricoprono ruoli importanti e si spera che attraverso il loro interesse permettano maggior visibilità a queste competizioni storiche. In particolare modo Maurizio Arrivabene (Team principal della Ferrari) essendo un bresciano DOC non ha voluto mancare a questo particolare appuntamento nonostante la situazione non facile della Rossa in queste ultime gare.


Per concludere il percorso dell’edizione 2019 anche quest’ultimo oggetto di novità: la prima Tappa prevede la partenza dalla Viale Venezia a Brescia la prime città attraversate saranno Desenzano, Sirmione, Mantova Ferrara , Ravenna per terminare in serata a Cervia; la seconda tappa prevede il passaggio nelle città di Cesenatico, Senigallia il ritorno nella spettacolare cornice di Assisi per concludere nella stupenda Città eterna; il giro di boa si apre con la “risalita” verso la città bresciana e proporrà i percorsi tortuosi e ricchi di fascino della Toscana toccando centri come Siena, Vinci (per commemorare l’anniversario della morte di Leonardo), Pistoia e infine Bologna; la quarta e ultima fatica per gli equipaggi sarà il passaggio nelle città emiliane di Modena e Parma, Montecatini e poi finalmente la passerella con il consueto bagno di folla nel primo pomeriggio di sabato 19 maggio. (10 ott./testo e ph: N. Rettagliati)