Altri articoli...

Ronde Val d’Aveto: Signor - Bernardi concedono il “bis”

Secondo posto per Mezzogori - Baldini. Ottima quinta posizione per Multari - Brizzolara, primi tra le vetture a due ruote motrici


Marco Signor e Patrick Bernardi (Ford Focus Wrc) si sono aggiudicati alla grande la decima edizione della Ronde della Val d'Aveto, bissando il successo ottenuto lo scorso anno. I vincitori si sono imposti in tutte e quattro le prove speciali previste e sul traguardo finale hanno preceduto i coniugi locali Andrea Mezzogori e Roberta Baldini, autori di un prestazione di rilievo con la Hunday i20 Wrc che utilizzavano per la prima volta. Terza posizione finale per Araldo - Boero (Ford Fiesta R5) davanti a Reduzzi - Mangiarotti (Abarth Grande Punto S2000) e ai genovesi Alessandro Multari e Roberta Brizzolara, autori di una gara di grande spessore con la loro Citroen Saxo kit che li ha portati a primeggiare tra le vetture a due ruote motrici.Novantuno le vetture alla partenza, venti di meno quelle all'arrivo. Tra le scuderie successo della Lanterna Corse Rally Team con, all'attivo, quattro vittorie di classe ed il primato nella graduatoria under 25 con Volpi - Rocca su Renault Clio Williams. (1 set.)


 




Lanterna Corse R.T. da record (22 equipaggi) alla Ronde della Val d'Aveto

La Lanterna Corse Rally Team si prepara ad un weekend da record, in occasione della decima Ronde della Val d'Aveto. La gara, che rappresenta uno dei tre appuntamenti di casa per i piloti ed i navigatori genovesi, vedrà infatti al via ben ventidue vetture schierate dal team.


Tra le top car ci sarà la Peugeot 206 WRC (nella foto, a sx) di Giuseppe Bevacqua e Silvia Gallotti, pronti alla battaglia nelle zone alte della classifica: il Colonnello più veloce d'Italia cercherà di chiudere il conto con la sfortuna, che lo costrinse al ritiro per un problema meccanico al Lanterna. Due, invece, le Renault Clio Super 1.6, portate in gara da Paolo Vigo con Nicola Berutti e da Giancarlo Pancrazi con Ilaria Camoirano.


Occhi puntati su Enrico Maria Volpi e Paolo Rocca, su Renault Clio Williams A7 (nella foto, a dx), che se la vedranno con i veloci compagni di team Marco Corona ed Andrea Gorni. Giovanni Castelli sarà affiancato da Mattia Domenichella, Giuseppe Garziano da Alessandro Cervi ed Alex Zerega da Eleonora Monteverde, tutti su Clio Williams A7.


Gianluca Caserza, dopo le buone impressioni raccolte in uno slalom test, parteciperà a bordo di una Renault Twingo R2B, affiancato da Federico Capilli. Alberto Verardo e Cristina Rinaldis, su Renault Clio Williams N3, sfideranno i compagni con le Clio RS di Emilio Baldassari con Nicolò Minetti ed Alberto Biggi con Elisabetta Franchi, mentre Marco Cotugno e Gianrenzo Roatta, sempre su Renault Clio, partiranno in classe A6.


Eros Massa sarà affiancato da Martina Balducchi a bordo di una Peugeot 205 A5; Marco Riva e Daniele Di Paolo guideranno la pattuglia di Peugeot 106 N2, completata da Gianluca Incontrera con Alessandro Schena, Stefano Comando con Davide Caponetto (unica Citroën Saxo), Michele Zerega con Giorgia Lecca e Giacomo Orsi con Fabio Vasta.

Walter Donato, su Fiat Seicento A0, sarà affiancato da Edoardo Crocco, giovane e promettente navigatore finalmente all'atteso debutto in gara. Ruoli invertiti per Davide Coduri e Mauro Terrile, in gara con una Peugeot 106 N1, mentre in classe RS2 ci sarà la Suzuki Swift di Donato Lanzarotti e Simona Gazzo. (27 ago/foto by Roberto Giuffra)

 


La 10^ Ronde della Val d’Aveto pronta al via con 93 equipaggi

Sei WRC in lizza: sfida intorno al Monte Penna per l'assoluto tra Marco Signor e il genovese Andrea Mezzogori.


C’è grande soddisfazione tra gli uomini della Lanternarally, che coadiuvati dal Gruppo Sportivo Allegrezze si apprestano a trasferirsi a Santo Stefano d’Aveto per il weekend più atteso dell’anno nella località montana ligure. La notizia che lusinga gli organizzatori e tutti i collaboratori è legata alla pubblicazione dell’elenco iscritti della manifestazione, che conta ben novantatre equipaggi. Si registra una crescita rispetto all’edizione 2014, un segnale forte per il rallismo ligure, che vedrà i propri migliori interpreti sfidarsi sulla prova speciale del Monte Penna. Un appuntamento imperdibile per gli appassionati, che potranno vedere in azione ben sei vetture WRC, tra le quali la Hyundai i20 dell’equipaggio genovese composto da Andrea Mezzogori e la consorte Roberta Baldini.


Il numero uno sarà applicato sulle fiancate della Ford Focus WRC di Marco Signor e Patrick Bernardi, vincitori nel 2014 (nella foto); i veneti dovranno vedersela con una concorrenza agguerrita: Miele - Spinetta su Ford Fiesta, Pettenuzzo - Tirone su Ford Focus, Bevacqua - Gallotti su Peugeot 206 e Marti - Bentivogli su Subaru Impreza sono tra i più attesi dal pubblico, così come Araldo - Boero su Ford Fiesta R5. Il giovane piemontese, pur non disponendo di una WRC, può sicuramente essere inserito nella lista dei favoriti per il podio assoluto.


Un elenco dal sapore internazionale, che conta anche una Super 2000, la Abarth Grande Punto di Reduzzi ed un’altra Fiesta R5, quella di Bertanzon. Una vettura in classe N4, la Mitsubishi di Gualandi, mentre c’è grande attesa per la spettacolare BMW M3 A8 di Mauro Miele. Quattro le K11, amatissime dal pubblico: due Peugeot 306 Maxi (“Babu” e Musci), una Renault Clio Maxi (Milioli) e l’Opel Astra di Mariani. Ben cinque le Super 1.6, con quattro Renault Clio (Monteverde, Vigo, Ghirri e Pancrazi) ed una Citroën C2, quella del genovese Andrea Tomaino, seguite da una sola R3C, la Clio di Leonardi.


Nove le A7, tutte Renault Clio ad eccezione della temuta Peugeot 205 di Albino Condrò, che andrà ad animare una classe che potrebbe riservare sorprese nella top ten assoluta, data la presenza di “piedi pesanti” come Marco Corona, Volpi, Venturini ed il locale Guardincerri. Otto partecipanti in classe R2B e quattro in A6, attirati dal “Trofeo San Ste” e seguiti da ben quattordici N3, classe più numerosa insieme alla N2, formata da quindici vetture. Completano l’elenco una RS4, nove A5, due RS3, due A0, cinque N1, una RS2 ed una vettura storica, la A112 di Lombardi.


Riflettori puntati su Santo Stefano d’Aveto, pronta alla pacifica invasione dei rallisti, che animeranno per tutto il weekend il borgo ligure. Il via ufficiale della gara già nel pomeriggio di sabato 29 agosto, con la sfilata tra le vie del centro storico a partire dalle 18.30. Domenica 30 agosto invece sarà la volta della competizione vera e propria, con i quattro passaggi sugli 11,9 km della prova speciale, i parchi riordino con ristoro gratuito per gli equipaggi ad Allegrezze ed i parchi assistenza sotto lo storico castello di Santo Stefano. (26 ago)


Giuliana Pozzi, "prima" al volante alla Ronde della Val d'Aveto

Tra le tante curiosità (tra cui ben tre piloti e sei “naviga” locali al via) che proporrà sabato prossimo la 10^ edizione Ronde della Val d’Aveto, ce n’è una che riguarda l’equipaggio savonese composto da Marco e Giuliana Pozzi, nella vita di tutti i giorni padre e figlia.


Reduci dalla partecipazione al 29° Rally di Piancavallo, dove hanno  conquistato il successo in classe N1 con la loro piccola Peugeot 106 Rallye, a Santo Stefano d'Aveto i Pozzi si scambieranno i ruoli: papà Marco diventerà “navigatore” e Giuliana passerà sul sedile di sinistra della fida 106 per quella che sarà la sua "prima" assoluta come pilota. (24 ago.)

 


Davide Craviotto cerca riscatto alla Ronde della Val d'Aveto

Secondo impegno stagionale, dopo la sfortunata partecipazione al recente Rally della Lanterna, per Davide Craviotto. Sabato prossimo, infatti, il genovese sarà al via della 10^ Ronde della Val d’Aveto, con la Renault Twingo di classe R2B messagli a disposizione dalla Gima Autosport ed in coppia con Fabrizio Piccinini, uno dei suoi co-piloti storici.


“Al Lanterna – sottolinea il portacolori della scuderia Racing for Genova – ho fatto poco più di metà gara e sono stato costretto al ritiro quando ero in testa alla mia classe: visto che corro sempre meno, in Val d’Aveto ci terrei un sacco ad arrivare in fondo. Il risultato, ovviamente, non è la mia priorità ma se mi riuscisse di abbinare al traguardo anche un bel piazzamento, sarei davvero felice perché lo dedicherei a mio figlio Alessio".


Assente dai rally dal 2013, Davide Craviotto è tornato a gareggiare quest’anno al Rally della Lanterna dove, in coppia con il “cugino” Giovanni Gazzia, è stato costretto allo stop prima della sesta prova speciale per un problema al cambio, quando era ventesimo assoluto e primo nella classe d'appartenenza. (24 ago./foto by Renato Piga)