Altri articoli...

Addio a Nyky Lauda

Il campione austriaco si è spento nella notte di lunedì in una clinica svizzera, dove si trovava ricoverato da tempo in seguito ad alcune complicanze insorte a causa di un’infezione polmonare: aveva 70 anni. Il nome di Niki Lauda è scolpito a caratteri cubitali nella storia della Formula1, nel ristretto club degli indimenticabili: due volte campione del mondo con la Ferrari (1975 e ’77), una con la McLaren (’84), 171 Gp disputati, 25 vittorie, 54 podi, 24 pole position.


Con la Ferrari, nel 1976, l’incidente che gli cambiò la vita, al Nürburgring: dopo aver perso il controllo della macchina, Lauda sbatté contro una roccia a bordo pista che lo rimbalzò di nuovo al centro del tracciato. L’auto prese fuoco e Lauda, rimasto senza casco dopo l’impatto, rimase intrappolato all’interno per alcuni minuti e avvolto dalle fiamme.


Nonostante i gravi danni al volto, sfigurato per sempre, e ai polmoni, per aver inalato i fumi della benzina, Lauda tornò in pista solo una quarantina di giorni dopo. Perse quel mondiale, ma non quello dell’anno successivo. Era uomo da prima linea, da decisioni forti: come quella di lasciare le corse dal 1979 al 1981, periodo nel quale si dedicò alla nascita e allo sviluppo della Lauda Air, la sua prima compagnia aerea. Tutt’oggi la Flotta aerea Laudamotion, viene completamente controllata dal gigante Ryanair.


Il suo ultimo ritiro, dopo la stagione 1985, non ha significato l’allontanamento dal mondo della Formula1, che ha seguito nelle vesti di commentatore tv e consulente: nel 2012 diventa presidente onorario della Mercedes e ci sono la sua mano e la sua lungimiranza dietro l’ingaggio di Lewis Hamilton che oggi sta facendo le fortune delle Frecce Argento. Soprannominato il “computer” in pista, per la sua guida rigorosa, pulita, lucida e capace di risolvere problemi e difetti delle monoposto, ma presenza umana e punto fisso per i piloti Mercedes  nei box: questo era Niki, alla Formula1 mancherà. (21 mag/testo e ph N. Rettagliati)

 


A Imperia c’è MercatoRetrò

E' stata inaugurata ufficialmente questa mattina la seconda edizione di MercatoRetrò in calata Anselmi ad Imperia. Al taglio del nastro il Sindaco Claudio Scajola accompagnato da altre autorità politiche. Presenti in banchina, a dare il via all'evento, anche le massime autorità militari e civili e rappresentanti degli organizzatori dell'evento, Liguria Classic e Autostory.


Il programma odierno prevedeva non solo l'esposizione di mezzi a quattro e due ruote, nautica, curiosità d'epoca, ma anche le più recenti novità esposte dalle concessionarie della zona e la possibilità di effettuare un test drive aperto al pubblico. La parte interna dell'evento è stata allestita nel deposito ex Salso, dove è possibile ammirare cimeli d'autore, come l'auto che fu di Fausto Coppi e molti oggetto storici, alcuni dei quali in vendita.


Presente in banchina anche il celebre modello di Isotta Fraschini in dotazione dal 1942 al Comando Provinciale VV.F. di Milano e rimasto in servizio fino al 1958. Ma anche una vera Fiat Spa 38 R, ovvero un autocarro militare leggero prodotto in Italia ed usato da Italia e Francia durante la seconda guerra mondiale per il trasporto dei detenuti.


Contribuiscono alla realizzazione dell'evento anche gli studenti dell'Istituto Tecnico Turistico Hanbury del Ruffini di Imperia, incaricati dell'accoglienza al pubblico e dell'ausilio agli espositori. Presenti l'Arma dei Carabinieri, l'Esercito Italiano e la Protezione Civile con stand informativi. Anche l'ACI contribuisce ad un momento didattico con mini-corsi gratuiti rivolti ai ragazzi.


Oggi sono stati ospiti i protagonisti del recente Panda Raid, per raccontare la loro "avventura di 3000 km a bordo di una vecchia Panda", mentre domani sarà volta del raid 4x4 organizzato dal Registro italiano fuoristrada in collaborazione con il club delle Alpi Marittime.


Presente alla manifestazione anche la linea Mediterranea della Fratelli Carli, per un momento dedicato alla cosmesi e alla bellezza. La manifestazione si avvale del patrocino del Comune di Imperia ed il supporto dell'Agenzia delle Dogane di Imperia, che ha ospitato parte dell'evento. Liguria Classic e Autostory per questa seconda edizione si arricchiscono della collaborazione di Med Yacht Services che mette a disposizione della manifestazione, nell'area espositiva dedicata alla nautica, 5 yacht extra lusso di svariate misure. (18 mag.)

 


“Crescere sicuri”: educazione stradale al Museo della 500

Continua l'impegno in campo sociale del Fiat 500 Club Italia e del Museo Multimediale della 500 “Dante Giacosa” che, in collaborazione con la Polizia Stradale e il Comune di Garlenda (SV), dedicano una settimana alla sensibilizzazione degli studenti sul tema della sicurezza sulle strade. Si tratta della decima edizione della manifestazione “Crescere sicuri”, in programma da domani al 10 maggio prossimo. Sono attesi circa 300 bambini delle scuole dell'infanzia e primarie del comprensorio, che svolgeranno un percorso ludico - didattico in più tappe. Si partirà con la visita guidata al Museo stesso, alla scoperta delle tante curiosità legate alla storica bicilindrica, seguita da una lezione (modulata naturalmente secondo l'età degli alunni) tenuta dal personale della Polizia.


In Borgata Nuova, bambini ed insegnanti potranno poi fare la conoscenza dei mezzi della Stradale, a due e quattro ruote, con l'esame delle apparecchiature e dei dispositivi in dotazione, mentre un team dell'IRC (Italian Resuscitation Council) spiegherà le tecniche di rianimazione e mostrerà le attrezzature all’interno di un’ambulanza; infine, un formatore ACI sensibilizzerà i partecipanti all’utilizzo delle cinture di sicurezza (grazie ad una piccola simulazione di incidente stradale) e farà svolgere una prova di guida rispettosa della segnaletica a bordo di kart a pedali. Per finire, le scolaresche potranno usufruire dell'area merenda, con focaccia e acqua offerti, nel vicino parco giochi. L'intero percorso potrà svolgersi anche in caso di pioggia, in quanto i mezzi saranno opportunamente spostati in spazi al coperto.


In questi dieci anni la manifestazione ha permesso a migliaia di bambini e ragazzi di apprendere in maniera piacevole e coinvolgente le corrette norme di comportamento che vanno sempre adottate quando ci si trova in strada, come pedoni, ciclisti, motociclisti ed automobilisti, e la certezza degli organizzatori è che i messaggi trasmessi saranno anche riportati agli adulti di riferimento.


La Settimana della Sicurezza Stradale è legata anche al premio “Crescere sicuri” che, con cadenza biennale, premia personaggi o enti che si siano particolarmente distinti nel veicolare i temi al centro dell'iniziativa. «Siamo lieti ed orgogliosi che una piccola vettura del passato come la 500 - ha dichiarato Ugo Elio Giacobbe, conservatore del Museo “Dante Giacosa” - sia diventata il mezzo ideale per parlare di argomenti così attuali e che devono essere trasmessi alle nuove generazioni per garantirne il futuro». (6 mag.)

 


Solo Nazionale e storico il Rally Valli Cuneesi

Salta la parte internazionale del 25° rally delle Valli Cuneesi, in programma il 26 e 27 aprile a Dronero e dintorni: gli organizzatori dello Sport Rally Team, coordinato da Piero Capello, a causa della scarsità di iscritti hanno deciso di annullare la porzione internazionale dell'evento, che era la prova di apertura della serie  europea TER -Tour European Rally, unica tappa italiana delle sei in calendario. Nella stessa data rimangono invece confermati la porzione nazionale, primo appuntamento a massimo coefficiente 1,5 della nuova Coppa Rally di Zona istituita da questa stagione da AciSport, valido pure per svariati Trofei, così come il 12° rally storico delle Valli Cuneesi. La sofferta decisione deriva dai soli 7 equipaggi iscritti ad oggi, di cui due al Ter. Per tutti gli altri, ad oggi oltre una sessantina, prosegue invece la raccolta di adesioni, la cui chiusura è fissata, come da regolamento, per venerdì prossimo, 19 aprile.


Amareggiato, Piero Capello preferisce optare per il realismo di una scelta drastica: “In 38 anni di organizzazione di gare rallistiche – ha osservato - è la prima volta che ci succede. Ci scusiamo per l'inconveniente ma per il rispetto che portiamo al mondo dei rally ci vediamo costretti ad annullare la quota internazionale, nonostante l'evento abbia già tutte le autorizzazioni, e addirittura fosse stato asfaltato a nuovo il percorso che avrebbe dovuto ospitarla”. Dunque, niente prova speciale di Montoso venerdì 26 aprile. La gara, a questo punto doppia e non più trina, si svolgerà tutta nella giornata di sabato 27 aprile, con nuovi orari in fase di riformulazione. (17 apr.)

 


Memorial “Cristian Zucconi” a scopo benefico

E’ tutto pronto per la prima edizione del Memorial “Cristian Zucconi”, iniziativa benefica ideata da Andrea Zucconi che sarà promossa dal VM Motor Team e dalla Team Cars 2006, con il supporto del Lions Club: l’appuntamento è per domenica 14 aprile a Bassignana (AL). Papà Andrea, noto pilota di rally, ha voluto fortemente l’iniziativa per ricordare il figlio scomparso prematuramente a soli 20 anni. La giornata sarà interamente dedicata ai motori ed alla solidarietà, con un programma davvero ricco per i tanti appassionati che saranno presenti. Un’area sarà riservata all’esposizione di supercar prevalentemente marchiate Ferrari, mentre i più piccoli potranno divertirsi sulle due ruote su di un circuito a loro riservato.


I bikers della provincia esporranno le loro Harley Davidson, ma il piatto forte della giornata sarà sicuramente la parte dedicata al Rally. Grazie alla collaborazione con VM Motor Team e Team Cars 2006 saranno presenti circa trenta vetture delle classi R5, N4, Super 2000, Super 1600, R3 ed A7, guidate da piloti di spicco, tra cui Andrea Zivian, Andrea Nucita, Paolo Diana, Marco Strata e tanti altri. Con una piccola donazione sarà possibile sedersi al fianco dei piloti e provare l’emozione di un giro su una macchina da corsa. Anche le Forze dell’Ordine saranno coinvolte, con i Carabinieri che esporranno alcune loro vetture, compresa l’ultima Alfa Romeo Giulia. Tutto il ricavato sarà devoluto all’Avis di Bassignana.

 

“La perdita di Cristian – commenta Moreno Voltan - è stato uno shock terribile per tutti noi. L’amicizia che mi lega ad Andrea Zucconi mi ha spinto ad aiutarlo nell’organizzazione di questo evento, che avrà certamente un seguito e che ricorderà Cristian nel migliore dei modi. Un grandissimo ringraziamento ai Carabinieri, al Ferrari Club Alessandria ed a tutti i collaboratori che renderanno possibile questa bella manifestazione”. (12 apr.)