Altri articoli...

Il “Valli Del Bormida” sorride al Dagda Sport

Buoni i risultati della scuderia carcarese al Rally “Valli del Bormida”. Quattordicesimo posto assoluto e primo di classe Super 1600 per Scotto - Molinelli su Fiat Punto (nella foto di Andrea Porro), in procinto per partire per un’avventura più importante, visto che il prossimo fine settimana si cimenteranno del Tour de Corse. Primo posto di classe anche per Peghini - Pregliasco su Peugeot 106 rally (FN2), secondi di classe invece Rizzo Enrich – Secco, su Clio Rs, in N3. Stessa vettura e stessa classe ma solo sesto posto per Raco - Bosoni, in gara test con la macchina appena acquistata sulla quale si ci deve “far la mano” (e portarla in fondo sana!). Soddisfatto al traguardo, anche se in settima posizione assoluta (ma con la piccola A112 era davvero difficile fare di più) l’unico equipaggio del Dagda  iscritto al rally storico e formato da Vincenzi-Marella.

Provincia Granda Rally Club - Risultati nel complesso soddisfacenti per gli equipaggi del Provincia Granda Rally Club al 32° Rally Valli del Bormida. Terzo posto nella classifica di scuderie, tre vittorie di classe, due secondi ed un terzo posto rappresentano il bottino racimolato dai portacolori del team diretto da Aldo Dellatorre, bottino che senza alcuni inconvenienti tecnici avrebbe potuto essere ancor più prezioso. Vittoria di Classe R3T, con sei prove speciali su sei vinte, 11° posto assoluto e quinto di Gruppo R è l’ottimo risultato centrato dal monregalese Danilo Baravalle, navigato dall’imperiese Marco Armelio, su Peugeot 207. Per il pilota di Mondovì (CN) si tratta della seconda vittoria su due gare, dopo l’analoga affermazione ottenuta al Riviera Rally dello scorso mese di marzo. Diverso esito per i compagni di classe e di vettura, Caro Fontanone e Chiara Bruno, costretti al ritiro al parco assistenza dopo la terza prova, per la rottura del collettore di scarico della loro vettura. Ottima anche la prestazione di Gilberto Calleri, navigato da Giorgio Zuccaro, con la Renault Twingo del team Gima, tredicesimo assoluto a fine gara. L’assicuratore albese domina la Classe R2B fin dalle prime battute, andando a vincere, dopo aver realizzato il miglior tempo in quattro delle sei prove in programma, con 1’49.4 su Lugano e centrando il primo posto fra i concorrenti del Trofeo Renault Gordini - zona A. Ventinovesimo posto assoluto e terzo di Classe N3, agguantato proprio nel finale, per Claudio Fresia e Luca rocchieri, su Peugeot 206 RC. Grande lotta tra Fresia, Rizzo e Vigna che per tutta la gara si contendono gli ultimi due gradini del podio, alle spalle del leader solitario Amerio. Nel corso della quinta prova speciale, il secondo passaggio sul “Quazzo”, un testacoda retrocede il pilota monregalese dalla seconda alla quarta posizione ma, con un veemente finale riesce a recuperare sulla ripetizione della “Pian dei Corsi” riuscendo a salire sul terzo gradino del podio per soli 0.6 secondi nei confronti di Vigna. Gara regolare e senza errori per i compagni di classe e di vettura, Osvaldo Pirra e Riccardo Bruno, al termine della gara in quinta posizione di Classe N3 e al 31° posto in classifica generale. Gara iellata per i genovesi Alessandro Multari e Lorenzo Bailo, su Citroen Saxo. Mentre erano al comando della Classe A6, nel corso della terza prova percorsa sotto la pioggia battente, un problema elettrico li rallentava pesantemente, retrocedendoli dal 13° al 37° posto assoluto. Risolto il problema al parco assistenza, Multari era autore di un bel recupero, grazie ai tre buoni tempi realizzati che gli consentivano di recuperare diverse posizioni fino al 19° posto finale, secondo di classe A6 e quarto di Gruppo A. Analoga situazione per Maurizio Billò e Marco Mao, attardati da un problema elettrico della loro Peugeot 309 GTI nel corso della prima prova “Giovetti” che li distanzia di 1’21 dal leader Rudino, vincitore a fine gara. Risolto il problema dallo stesso equipaggio che, nel proseguo recuperava decisamente terreno, realizzando il miglior tempo in tre prove ed il secondo nelle due rimanenti, concludendo la gara al 36° posto assoluto ed immeritatamente al secondo di Classe FN3 e terzo di gruppo. Primo posto di Classe N2 e decimo di Gruppo N per Renzo Cavallero ed Alessia Sega, su Citroen Saxo del team saluzzese Mattio Motor-Sport. Non completamente soddisfatto il pilota sanremese, nonostante la vittoria di classe, del 33° posto assoluto finale, dovuto ad un secondo giro di prove difficoltoso, a causa di una lotto di gomme rivelatosi inadeguato.

Scuderia Zerosette - “Eravamo messi bene, ma poi il destino ci ha messo lo zampino” sostiene Gianni Craveri, che guida la formazione cuneese. Il risultato ottenuto dalla Scuderia Zerosette di Salmour (CN) vedono uno sconfortante zero in casella, nonostante l’equipaggio portacolori della scuderia cuneese sia stato ottimo: ritiro per Paolo Treves - Giampaolo Demela (Porsche 911 SC) mentre erano al comando della classifica assoluta del Rally Valli del Bormida Storico. “Una sfortuna, una vera sfortuna” scuote la testa il pilota di Borgo San Dalmazzo Paolo Treves, vero mattatore del Rally Valli del Bormida Storico, in cui cercava di ottenere il bis di vittorie dopo il successo ottenuto nel 2009. Dopo aver segnato il miglior tempo nelle prime due prove dei Giovetti e Quazzo, secondo tempo a Pian dei Corsi, avevano portato Treves - Demela al comando con 1'20” di vantaggio sul secondo classificato nonostante il mal tempo che ha imperversato sulla prima parte di gara. La costanza di prestazioni premia ancora l'equipaggio cuneese della Porsche sulla ripetizione dei Giovetti, secondo tempo per soli 3”4, ma allungando ancora il vantaggio in classifica che arriva a 1'52”, un margine di tutta tranquillità per le ultime due prove speciali. “Purtroppo a quel punto si è rotto un bilanciere delle valvole, facendo perdere potenza al motore” commenta Dario Araldo della EVO Motorsport che cura la Porsche. “Una riparazione che avrebbe richiesto pochi minuti, ma che non era possibile effettuare, perché, contrariamente ai normali rally storici, al Bormida non era ammessa l'assistenza libera. Treves - Astesana avrebbero potuto continuare, e probabilmente vincere anche la gara, ma con il rischio di compromettere il motore”. Paolo Treves ha preferito non rischiare un danno grave e così si è fermato.

Scuderia Monferrato - Secondo posto nel “Trofeo Evo 2013” e 4^ piazza assoluta per Andrea Zivian (navigatore Fabio Ceschino) al Rally Valli del Bormida. Il driver valenzano era al volante di una Grande Punto Abarth super 2000 e nella graduatoria del “trofeo Evo” è stato sopravanzato dal ligure Manuel Villa: Sto guidando male, forse patisco un po’ la fatica di tre gare negli ultimi tre week-end – ha affermato Zivian a fine gara. Partiti con ottime possibilità di ben figurare non hanno tradito le attese gli ottigliesi Daniele Gaudio e Daniela Botto (Peugeot 106 Fa5) che si sono imposti nella graduatoria di classe lasciando ad oltre 2’ i più immediati inseguitori: analogo risultato anche per il duo di Roccaverano formato da Mirko Garbero e Claudio Pistone (Peugeot 106 Fn1) che, invece, hanno lasciato veramente poco spazio agli avversari relegando i secondi di classe a quasi 4’. (11 mag.)


Tris al “Bormida” per Grassano - Ammendola

Secondo appuntamento stagionale per Pier Paolo Grassano al rally valli del Bormida. Il forte pilota ligure, come sempre affiancato da Annamaria Ammendola, ha messo tutto l'impegno per domare la sua Honda "anomala" sulle belle prove, rese particolarmente difficili dalle avverse condizioni meteo. Nonostante i problemi al cambio l'equipaggio della Racing for Genova è riuscito e a portare a casa punti importanti per il Challenge di zona, conquistando la decima posizione assoluta, il primo posto di gruppo e il primo posto di classe. (07 mag.(photo by G. Lioce)


Rally club Millesimo in primo piano al “suo” Valli del Bormida

Quindici equipaggi alla partenza, dodici al traguardo, terzo posto tra le scuderie, un equipaggio nella top ten finale, due successi di gruppo e quattro di classe. Anche quest’anno è davvero notevole il risultato complessivo che il il Rally club Millesimo ha conquistato al “Valli del Bormida”, la “sua” gara di casa. La migliore prestazione è stata ottenuta da Levratto – Bergero (Renault Clio Williams – FA7), giunti noni assoluti e primi di gruppo F, ma è di rilievo anche il risultato finale conseguito da Amerio – Eriglio (Renault Clio RS – N3), quindicesimi e primi tra le vetture di Produzione: con loro, hanno conquistato la vittoria di classe anche Zenoni – Pirotti (Fiat Panda – A5) e Dogliotti – Ravano (Fiat Seicento Sporting – A0).

“Sono davvero contento per la notevole prestazione collettiva del gruppo – rileva Roberto Delbono, pilota e coordinatore della squadra agonistica del Rally club Millesimo – ma mi ha rallegrato molto anche il fatto che il miglior risultato sia stato conquistato da uno dei due equipaggi - l’altro è quello composto da Alessio e Andrea Bruzzone (Renault Clio Williams – FA7), subito ko per la rottura del motore, ndr – che alla vigilia della gara hanno scelto di iscriversi alla nostra scuderia. Mi spiace molto, invece, per le tre coppie che non sono giunte al traguardo, ed in particolare per Marco e Giuliana Pozzi, che si sono fermati nell’ultima speciale”. Il terzo equipaggio ritirato è Bianchin – Bazzano (Renault Clio RS) per problemi all’impianto di ventilazione.

Papà Pozzi e la giovane figlia Giuliana sono stati protagonisti di un episodio davvero degno di nota. Nell’ultimo trasferimento, hanno incontrato la Seicento Sporting di Federica Lio ferma a bordo strada e, capendo che aveva qualche problema, hanno arrestato la loro Peugeot 106 e, incuranti del fatto di poter arrivare al CO in ritardo, l’hanno aiutata a ripartire. La sorte, purtroppo, non ha premiato il loro bel gesto, visto che hanno dovuto fermarsi in speciale per la rottura di un semiasse. Resta, ad ogni modo, la loro splendida azione, che vale ben più di un successo e che è emblematica dello spirito di gruppo che caratterizza il Rally club Millesimo.

Soddisfazioni per la squadra coordinata da Roberto Delbono sono giunte anche dall’appendice del rally “Valli del Bormida” riservata alle vetture storiche, con la seconda piazza assoluta conquistata da Ezio Rubino ed Enrico Bogliaccino (Fiat 127 Sport); poca sorte, invece, per il rientrante Vincenzo Amerio, con Pietro Ranuschio e con la VW Golf Gti, terza forza della gara sino allo stop, avvenuto dopo la terza ps. (07 maggio/photo by Andrea Porro)


Chentre – Florean (Grande Punto): colpo grosso al “Valli del Bormida”

Domino pressoché assoluto, al 32° rally Valli del Bormida, della Abarth Grande Punto Super2000 di Elvis Chentre e Fulvio Florean. Aggiudicandosi 4 delle 6 prove speciali su cui è stata articolata la gara organizzata dal Rally club Millesimo e valida per il Challenge di 2^ e 3^ Zona e per i trofei Evo Rally, riservato alle Fiat Punto Abarth Super2000, e Twingo R2, la coppia della Happy Racer ha regolato, sul traguardo finale, la Peugeot 207 Super2000 di Alessandro Gino e Marco Ravera, vincitori della scorsa edizione e dominatori iniziali della gara con le prime due speciali all’attivo. Terza piazza per l’Abarth Grande Punto di Manuel Villa e Daniele Michi, che con questo piazzamento, oltre ad aggiudicarsi la seconda gara della serie riservata alle Punto Super2000, si sono lasciati dietro, in graduatoria assoluta ed anche nel stesso trofeo, l’analoga vettura di Andrea Zivian e Fabio Ceschino, in giornata di scarsa vena. Quinta piazza per il sorprendente ventenne savonese Fabio Andolfi che, in coppia con l’esperto Billy Casazza e con la Renault Clio, ha primeggiato alla grande in gruppo R.

La pioggia, che ha interessato la gara dalla terza ps sino alla fine, ha caratterizzato un po’ la graduatoria, allungando notevolmente, specie per i concorrenti transitati sulla PS3 dopo i primi dieci, prima i distacchi e, dopo, i loro propositi di recupero. In tal modo si spiega il notevole ritardo finale di Garra - Torterolo (Renault New Clio R3C), balzati al sesto posto all’ultima ps a spese dell’analoga vettura di Roveta – Pericotti, dietro ai quali, nell’ordine, si sono classificati Raffo – “Rogeruan” (Fiat 500 Abarth), Levratto - Bergero (Renault Clio Williams), primi del gruppo F, e Grassano - Ammendola (Honda Civic Type-R), i migliori del gruppo A.

Hanno concluso la gara 62 degli 88 equipaggi partenti. Calleri – Zuccaro, tredicesimi assoluti, sono risultati i più veloci tra i partecipanti al trofeo Twingo R2. Nell’appendice riservata alle vetture storiche (7 partite e 3 classificate),  successo dei transalpini Tomatis - Roux (Porsche Carrera 911) dopo un dominio iniziale della 911 Sc di Treves – Demela, poi costretti al ritiro.

Classifica finale: 1. Chentre - Florean (Fiat Grande Punto Super 2000) in 27'58.0; 2. Gino - Ravera (Peugeot 207 Super 2000) a 9”6; 3. Villa - Michi (Abarth Grande Punto  Super 2000) a 30”8; 4. Zivian - Ceschino (Abarth Grande Punto Super 2000) a 50”3; 5. Andolfi - Casazza (Renault New Clio R3C) a 1’10”3; 6. Garra - Torterolo (Renault New Clio R3C) a 3’00”0; 7. Roveta - Pericotti (Renault New Clio R3C) a 3’12”5; 8. Raffo – “Rogeruan” (Fiat 500 Abarth) a 3’12”5; 9. Levratto - Bergero (Renault Clio Williams FA7) a 3’59”9; 10. Grassano - Ammendola (Honda Civic Type-R) a 4’24”4. (06 mag./foto by Silvia Morello)


Rally “Valli del Bormida” al via con 88 equipaggi

Sono 88 le vetture che questa mattina, alle ore 08:31, dalla centralissima Piazza Italia di Millesimo, hanno preso il via della 32^ edizione del rally “Valli del Bormida”, organizzato come sempre dal Rally club Millesimo e valido per il Challenge di 2^ e 3^ Zona e per i trofeo Evo Rally, riservato alle Fiat Punto Abarth Super2000, e Twingo R2. La sfida si concluderà alle 17:30 dopo 9 ore di gara e 256,60 km, 66,60 dei quali relativi alle 6 ps, tre tratti – “Giovetti” (km. 9,400), “Quazzo” (km. 8,900) e “Pian dei Corsi” (km. 15,000) – da correre due volte. Tra gli equipaggi iscritti non si sono presentati alle verifiche tecnico-sportive, oltre ai partecipanti al trofeo Evo Sulpizio – Giammasi, Borruso – Raineri (Peugeot 207 Super2000), Vallino – Desole (Renault Clio Williams), Morabito – Galvan (Renault Clio RS) e Rebella – Rocchieri (Peugeot 106 Gti).

Vincitori della scorsa edizione, Gino – Ravera (Peugeot 207 Super2000) sono i grandi favoriti per il successo finale. La concorrenza, però, è notevole e si materializza nelle due Punto Abarth del trofeo Evo Rally - quelle di Zivian – Ceschino, vincitori della prima prova della serie, e di Villa – Michi, ed in quella di Chentre – Florean, oltre che nella 207 di Borruso – Raineri. Andrea Zivian ed Elvis Chentre non hanno mai corso al “Bormida” ma, dopo le ricognizioni, hanno espresso parole di gradimento per il percorso scelto dagli organizzatori.

C’è grande attesa anche per il trofeo Twingo R2 che a Millesimo vedrà in lizza le berlinette di Campochiaro, Freccero, Lugano, Bernardi e Calleri. Restando in gruppo R, in classe R3T, i locali Berchio – Perrone (Citroën DS3) raccoglieranno la sfida delle Peugeot 207 di Baravalle – Armelio e Fontanone – Bruno e della 500 Abarth di Risso – Savarino; tra le Clio della classe R3C, invece, previsto un bel testa a testa tra quella dei quotati locali Garra – Torterolo e quella del giovane savonese Fabio Andolfi, che per l’occasione avrà al suo fianco l’esperto Renzo “Billy” Casazza,  con i genovesi Raffo – “Rogeruan” nel ruolo del terzo incomodo.

Si propongono anche per una gara di primo piano Leporace (Subaru Impreza Wrx – R4), Grassano (Honda Civic TypeR – A7) e Multari (Citroën Saxo – A6) ed il locale Andrea Zenoni (Panda – A5). Da seguire, inoltre, la classe N3, dove le Clio di Amerio, Bianchin, Raco e Morabito si confronteranno con le 206 di Fresia, Vigna, Rizzo e Pirra. Concorrenti ed organizzatori in apprensione, infine, per le condizioni meteo, che sembrano non essere favorevoli. (5 mag.)