Sanremo: Pasquale Tarantino da… Leggenda

Il 9° Sanremo Leggenda, come previsto, ha attirato le attenzioni di tanti piloti liguri che, per un motivo o per l’altro, avrebbero voluto iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro. Diversi i pretendenti ma, alla fine, ad avere la meglio è stato il pilota di casa Pasquale Tarantino, in coppia con la figlia Arianna, che hanno sfruttato al meglio le potenzialità della loro Peugeot 207 S2000 (ph) facendo della regolarità il loro punto di forza. “Dopo due anni di stop – ha rilevato il neo portacolori della Racing for Genova Team - ho provato a regalarmi questa gara con mia figlia. Tutto è andato per il meglio e sono molto contento di questo risultato”.


Il pronti via da Sanremo ha visto un deciso attacco di Orengo - Spagnoli ( Peugeot 207), risultati i più veloci nelle due prove di apertura ma traditi da una foratura nella terza prova. Il tempo perso ha convinto il pilota imperiese ad abbandonare la compagnia a metà gara. Fuori Orengo il comando delle operazioni è passato alla coppia formata da Elio Cortese e Ciro La Mura che stavano prendendo via via confidenza con la spigolosa Ford Fiesta R5: l’equipaggio della Superba non ha però avuto il tempo di gustarsi la leadership ed è stato costretto al ritiro nel trasferimento verso la quarta prova da noie meccaniche.

 

Fuori due dei principali rivali, Tarantino ha affrontato con piglio deciso i dieci chilometri della quarta prova allungando sugli avversari. Il miglior tempo nella quinta prova ha definitivamente chiuso il discorso per la vittoria e per l’equipaggio matuziano la prova finale è stata una passerella verso il gradino più alto del podio. Fino alla fine ci hanno provato il genovese Paolo Benvenuti e Sara Torielli con la Renault Clio R3C (La Superba) che si sono anche presi la soddisfazione di vincere l’ultimo tratto cronometrato salendo così sul secondo gradino del podio. Medaglia di bronzo per  i cuneesi Danilo Baravalle e Davide Leone con la Peugeot 208 R2B.


Classifica finale: 1. P. Tarantino - A. Tarantino (Peugeot 207) in 54'07.1; 2. Benvenuti - Torielli (Renault Clio R3C) a 1'24.6; 3. Baravalle - Leone (Peugeot 208 Vti R2B) a 2'28.8; 4. Calvetti - Mattioda (Renault Clio R3C) a 2'57.2; 5. Maurino - Perino (Mitsubishi Lancer Evo IX) a 3'08.8; 6. Lanza - Lanteri (Honda Civic) a 4'01.7; 7. Tomaino - Venzano (Citroën Saxo) a 4'12.3; 8. Filiberto - Trapani  (Renault Twingo) a 4'13.1; 9. Cukurova - Bostanci (Hyundai I20 R5) a 4'24.5; 10. Colombo - Mazza (Renault Clio) a 4'27.8 (2 apr./ph di Stefano Bertuccioli)