Altri articoli...

Ancora un trionfo per Sandro Sottile

Per il secondo anno consecutivo l'accoppiata Repetto Motorsport - Sandro Sottile ha trionfato nel Campionato Irc Due Ruote Motrici al Rallye di Sanremo. Il pilota ligure, questa volta perfettamente coadiuvato da Luca Costantini sull’Honda Civic Type-R R3, ha nuovamente dominato la classifica riservata alla categoria delle piccole trazioni anteriori davanti ad uno stuolo di Renault Clio anch'esse in versione R3. Nonostante fosse questa la prima uscita "importante" della Civic nel 2010 e nonostante, a differenza delle concorrenti francesi, non usufruisca dell'appoggio diretto della casa madre, l'equipaggio ligure ha preso il comando delle operazioni già dal primo giorno temendolo saldamente fino all'ultimo metro dell'ultima prova speciale. "Direi che meglio di così non poteva andare, al debutto con pochissimi chilometri non avendo mai guidato la macchina sul bagnato, Repetto mi ha messo questa Honda favolosa a disposizione. Devo ringraziare sia Ezio che Pino Repetto perché la macchina va veramente forte, c'è ancora da prenderla in mano e sistemare qualcosa, ma il potenziale è davvero molto alto". Queste sono state le parole di Sandro Sottile all'arrivo davvero felice del risultato e di com’è stato ottenuto. Perfetto naturalmente il contributo di Luca Costantini che, per la prima volta, sedeva sul sedile a fianco a Sandro in quella che, normalmente, è considerata una delle più dure gare di Italia anche per i navigatori e un plauso particolare va anche alla BfGoodrich Italia per aver fornito, come sempre, pneumatici sempre all'altezza della situazione e delle continue variazioni meteorologiche. (29 set.)

Team Elite prima scuderia del “Leggenda”

Tripletta del Team Elite. Dopo il Rossese e il Valli Imperiesi la scuderia imperiese si aggiudica anche il successo tra le scuderie al Rally di Sanremo Leggenda. Un grande risultato per merito sia dei piloti che per l’organizzazione sempre più evoluta di questo team! Nessuno spazio nel 2010 per gli avversari in terra ponentina, il Team Elite regna da padrone in casa e non solo, in quest’annata piena di soddisfazioni e di sacrifici per ottenere sempre la pool position in tutti i settori. I numerosi equipaggi partecipanti al rally di Sanremo confermavano il sodalizio imperiese come la scuderia con il maggior numero di portacolori. Cortese - Moncada, Schram - Sega, Gesso – Di Maio, Puleo - Mercurio, Brunendo - Brunengo gli equipaggi partiti che hanno regalato alla loro scuderia l’ennesima vittoria incontrastata. Ma l’attivissimo Team Elite non si ferma e sta già preparando, non solo, l’ultima gara a livello italiano di Slalom a Dronero Montemale, prevista per il 7 novembre 2010, ma anche la premiazione di tutti i suoi piloti (e non sono pochi) che si sono distinti nel corso di questa stagione. (29 set.)

Defilippi esalta il Provincia Granda RC

Esito soddisfacente per Damiano Defilippi al 52° Rally di Sanremo, valido per l’Intercontinental Rally Challenge, il Campionato Italiano Rally e sesto ed ultimo appuntamento del Trofeo Abarth 500 Rally Selenia. Le strade di una delle gare più rappresentative del rallysmo mondiale erano, per il pilota del Provincia Granda Rally Club, il banco di prova per confermare il grado di competitività raggiunto nella seconda parte della stagione, dopo i buoni risultati ottenuti al San Martino di Castrozza e al Rally Alpi Orientali. La gara sanremese si è rivelata particolarmente ostica, oltre che per le difficoltà tecniche delle strade liguri, a causa delle mutevoli condizioni atmosferiche. Nella prima tappa, fino alla quinta prova speciale, Defilippi, navigato da Ettore Di Tullio, ha saputo mantenere un ritmo regolare, occupando la terza posizione provvisoria fra i trofeisti, alle spalle di Vescovi e Nucita, nonostante il ritardo accumulato nel primo passaggio sulla “Bignone” a causa di una scelta di gomme non azzeccata. Nel corso della prova conclusiva della prima giornata, la mitica “Ronde” di 44 chilometri, a circa metà percorso, una toccata del pilota piemontese causava il distacco di una ruota posteriore e di parte dello impianto frenante, costringendo Defilippi e Di Tullio a percorrere circa 40 chilometri fra prova speciale e trasferimento su tre ruote, riuscendo ad arrivare miracolosamente al parco assistenza senza finire fuori tempo massimo. Un altro miracolo lo compiva il team Dierre Corse che riusciva a rimettere l’auto nelle condizioni di poter ripartire il giorno successivo, anche grazie alla disponibilità dell’Abarth nel fornire alcuni particolari mancanti. Nel corso della seconda tappa, grazie ad una condotta di gara accorta, il giovane pilota di Diano d’Alba non prendeva alcun rischio, conducendo in porto la gara al 49° posto assoluto, secondo nella classifica del Trofeo Abarth 500 Rally-Selenia e secondo fra gli under 23. (29 set.)

Speed Fire Racing brilla con Lombardi

“Una gara così merita di essere disputata almeno una volta nella vita”- inizia così il racconto di Massimo Lombardi e Paolo Urban dopo il 52° Rally di San Remo, gara valevole per il campionato IRC, per l’Europeo e l’Italiano Rally. I due portacolori della Speed Fire Racing hanno portato a termine una gara lunga, difficile e massacrante che il meteo ha contribuito a rendere leggendaria. Dopo due giorni di corsa e ben undici prove speciali, i campioni italiani in carica di categoria hanno concluso in 36° posizione assoluta e 4° di classe A6 in un rally zeppo di professionisti del volante. La prima tappa è stata caratterizzata da due errate scelte di gomme che hanno penalizzato oltremodo i due alfieri della Twister Corse in gara con la solita Renault Clio S1600. Il ritardo, dopo la prima frazione, era già troppo elevato per essere colmato: il secondo giorno, Lombardi e Urban hanno dato il massimo arrivando ad ottenere la quarta posizione di classe. “Risultato a parte - ha detto Urban - il Sanremo è uno dei rally più belli al mondo e anche se noi quest’anno abbiamo puntato tutto sull’Irc, abbiamo voluto essere al via a tutti i costi; arrivare in fondo in gare simili fa venire i brividi.” (29 set.)

Rudy Michelini conclude anzitempo la gara

Le strade dell’entroterra ligure non hanno portato fortuna all’equipaggio toscano formato da Rudy Michelini e Michele Perna, costretti al ritiro dalla gara all’inizio della seconda giornata di prove. Rudy Michelini, portabandiera della scuderia Movisport, ha condotto la gara ottenendo risultati sempre più interessanti, in un contesto meteo parecchio variabile che sicuramente non ha facilitato la scelta di pneumatici e set-up della vettura, la Peugeot 207 S2000 della piemontese Erreffe munita di coperture Pirelli. E’ proprio Rudy che ci racconta le fasi salienti del suo “Sanremo” fino al ritiro: “Il primo giorno di prove, considerando la difficoltà dei tratti cronometrati e il tempo incerto, abbiamo ottenuto dei tempi soddisfacenti. La Ronde notturna, dalla lunghezza di ben 44km e conclusiva della giornata di venerdì, ha invece alzato il divario con i tempi di vertice, a causa soprattutto di un assetto troppo morbido della vettura e dei pneumatici con un intaglio troppo accentuato. Abbiamo così terminato la prima sessione di prove posizionandoci al sedicesimo posto assoluto della classifica provvisoria. Il giorno dopo siamo partiti subito con il giusto approccio per poter risalire alcune preziose posizioni: infatti, grazie ad una buona performance ottenuta durante la p.s. Ceppo abbiamo recuperato ben 4 posizioni. Purtroppo durante il tragitto di trasferimento dalla prima alla seconda prova speciale, un guasto meccanico ha arrestato il nostro entusiasmo: in seguito alla rottura di un cavo dell’alternatore, siamo stati costretti, con grande rammarico, al ritiro dalla gara. Sono molto dispiaciuto per come si è conclusa per noi questa edizione del “Sanremo”. (29 set.)